Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Palermo-Reggina, storie di ex

Palermo-Reggina, storie di ex

Sono tre gli ex di turno che militano nelle formazioni di Palermo e Reggina. 

Maurizio Lanzaro non era ancora ventenne quando arrivò in Sicilia e in serie B mise assieme quattordici presenze nella stagione 2001/2002, prima di trasferirsi al Cosenza la stagione successiva.

Di ben altra portata sono le esperienze passate di Giovanni Tedesco alla Reggina e Franco Brienza al Palermo.

Il primo, palermitano doc, ebbe modo di crescere nelle giovanili amaranto fino ad imporsi in serie C1 e ad essere ceduto alla Fiorentina. La tripla cessione ai gigliati del centrocampista, di Sergio Campolo e Fabio Di  Sole passò alla storia come l’operazione “salva Reggina” che con questa operazione in uscita riuscì a superare i problemi economici che sembravano essere ormai insormontabili.

La carriera del trentacinquenne ebbe un rallentamento quando venne ceduto in B al Foggia, ma con grande caparbietà riuscì a riconquistarsi il palcoscenico della serie A fino a guadagnarsi la fama di “mediano goleador” con la maglia del Perugia, per via della sua grande capacità di inserimento, specie sui palloni alti, nonostante la modesta altezza (1,70 m).

Prima del suo ritorno a Palermo, avvenuto nel gennaio 2006,  provò ad abbracciare il progetto Genoa, ma il richiamo della sua città natale fu decisivo a fini della fine della sua esperienza in Liguria, tra l’altro qualche mese dopo che lo scandalo della “valigetta di Preziosi” aveva spinto i grifoni in serie  C per illecito sportivo.

Dopo un paio di stagioni in cui ha trovato un buon minutaggio in campionato, l’inizio di quest’annata e l’arrivo di Ballardini non sembrano prefigurargli un grande impiego, anche perché i rosanero abbondano di centrocampisti centrali di qualità e più giovani.  Franco Brienza lo vorrebbe alla Reggina a gennaio, bisognerà capire se Foti intende puntare su un trentaseienne e se lo stesso abbia voglia di mettersi in gioco lontano da casa.

Lo stesso fantasista ischitano  è l’ex più atteso dato che è rimasto per sette  stagioni in rosanero, sebbene intervallate dalle esperienze in prestito ad Ascoli nel 2002 e a Perugia nel gennaio del 2004.

Arrivò  in Sicilia nel 2000 quando ancora i rosanero si trovavano in serie C, lui fu uno dei protagonisti della squadra che in pochi anni centrò la promozione in B, poi quella in A ed infine la qualificazione alla Coppa Uefa.  In totale si contano 168 presenze e 22 reti per Brienza a Palermo, nonché due convocazioni in nazionale quando si mise in luce a livello nazionale grazie alle ottime prestazioni che offrì in coppia con Luca Toni.  

Prima di intraprendere la sua nuova esperienza a Reggio, salutò i tifosi del Barbera con una lettera ricca di belle parole e tornando a Palermo non  è difficile credere che gli sarà  attribuita un’accoglienza particolarmente calorosa.

 

p.d.m.