Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Bruno, ti ricordi quella volta?

Bruno, ti ricordi quella volta?

http://www.strill.it/images/stories/brunocirilloroma2.jpgSe San Siro si è sempre confermato tabù per la Reggina, l’Olimpico ha invece riservato qualche soddisfazione alla storia del sodalizio dello Stretto.

Era il 19 marzo del 2000 e l’undici di Colomba fece il più bel regalo possibile a tutti i papà di fede amaranto, andando ad espugnare lo stadio capitolino sconfiggendo la Roma nella propria tana, sebbene quel giorno gli oltre settemila reggini fecero di tutto per non far sentire in trasferta i propri beniamini.

Poco importa se quella fu una gara giocata per lo più con la sofferenza di chi si è difeso per tutta la partita, quello che oggi si ricorda sono il boato al gol di Ciccio Cozza e la corsa sotto la curva sbagliata di un commosso Bruno Cirillo, il cui pianto fu anche quello di tanti appassionati amaranto che prima di mettersi in luce a livello nazionale mangiarono tanta polvere  su poco dorati palcoscenici di di B e C.

Entrambi i marcatori di quella storica giornata, a distanza di più di otto anni, vestono la stessa maglia che portarono in trionfo quel giorno guidandola a vincere la prima sfida con una grande del campionato di  serie A, dopo una serie di ottimi pareggi e immeritate sconfitte durante quel magico campionato 99/2000.

Il bilancio da allora in poi si è inesorabilmente tinto di giallorosso, dato che la Roma si è imposta sugli avversari in ben sei occasioni su otto.

Nelle occasioni succesive al già citato storico match la Reggina andò incontro a ben tre 3 ko consecutivi (2-1, 3-0, 2-0) prima di tornare a violare il “tempio” della “Magica”, nell’anno numero uno dell’epopea di Walter Mazzarri (2004/2005).

Non fu un evento epocale come il primo successo, ma la gioia fu comunque alta quando Franceschini e Bonazzoli, a poco più di un quarto d’ora dal termine, ribaltarono il punteggio consegnando agli almanacchi l’ennesima impresa “made in Reggina”.

Poi ancora tre sconfitte (3-1,  3-0, 2-0), tutte gare con storie diverse.   Nella più pesante tra le debacle citate venne coinvolta anche “Striscia La Notizia” che, nella settimana successiva, provò a mediare tra Campagnolo e Totti, i quali, in campo, si resero protagonisti di un curioso battibecco dopo che il capitano romanista non aveva certo gradito i simpatici sberleffi del portiere reggino dopo avergli parato un rigore.

L’ultima sfida fu quella delle polemiche tra la squadra e Ulivieri,  Tognozzi non le mandò a dire al tecnico e le impietose immagini televisive ripresero lo scambio di punti di vista tra i due, mentre Brienza dichiarò a chiare lettere che la scelta del tecnico di improntare la prima parte della gara sulla difensiva era stato un suicidio tattico.  

Va sottolineato che fino ad ora nella serie delle partite tra Roma e Reggina all’Olimpico, gli amaranto viaggiano col regime di una vittoria e tre sconfitte, e guarda caso in questa stagione i precedenti più immediati con i capitolini parlano di  tre gare perse. Potrebbe essere di buon auspicio, ma per la legge dei grandi numeri non è da escludere che possa venir fuori un pareggio, risultato mai arrivato, e che sarebbe un risultato apprezzabile per gli uomini di Orlandi.

Anche se Cozza non ci sarà per infortunio, l’altro giustiziere dei giallorossi nel 2000, Bruno Cirillo, sa come si fa.  Reggio è ansiosa di tornare a piangere di gioia assieme a lui, nonostante colui che sabato indosserà la fascia di capitano abbia qualche primavera in più rispetto ad allora e la Reggina sia al nono campionato di serie A.

PRECEDENTI ROMA-REGGINA (TUTTI IN SERIE A)

STAGIONE
1999/2000 ROMA–REGGINA 0-2 
2000/2001 ROMA-REGGINA 2-1
2002/2003 ROMA-REGGINA 3-0
2003/2004 ROMA-REGGINA 2-0
2004/2005 ROMA-REGGINA 1-2
2005/2006 ROMA-REGGINA 3-1
2006/2007 ROMA-REGGINA 3-0
2007/2008 ROMA-REGGINA 2-0

Pasquale De Marte