Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calciomercato, i retroscena

Calciomercato, i retroscena

Forse mai così tante trattative sono saltate all’ultimo giorno di mercato per la Reggina. Va detto però che alcune di queste erano state imbastite davvero all’ultim’ora.

Fino a ieri sembrava realizzabile l’arrivo di Diego De Souza dal Defensor Sporting, ma la formula obblligatoria del prestito, trattandosi di un extracomunitario (Montiel è stato ceduto in Romania con la stessa formula) non è stata accettata dal Defensor Sporting. C’era la convinzione che i potenti procuratori Casal e Delgado avrebbero potuto intercedere, ma neanche loro avrebbero realizzato un guadagno immediato con questo tipo di movimento.

Il colpo migliore che Foti aveva in canna era sicuramente David Di Michele: è lui il giocatore che è stato chiesto fino a oggi pomeriggio al Torino, con Cairo che invece ha proposto Barone e Abbruscato. L’attaccante rimane da separato in casa in maglia granata, e dovrà fare mea culpa: ha tenuto il piede in due scarpe, proponendosi con presunzione anche alla Roma che aveva già chiuso il mercato in entrata. Di Michele, nella giornata di venerdì, aveva incontrato Foti a Milano per chiedergli di riportarlo a Reggio; peccato non abbia dimostrato convinzione fino in fondo, magari facendo una telefonata a Cairo e chiedendo di essere ceduto in prestito (con ingaggio abbassato).

Sul tema attaccanti, altre piste veramente concrete non ce ne sono state: solo una mezza dozzina di giocatori che, negli ultimi cinque giorni, si erano proposti. Discorso diverso merita il centrocampo, perchè da stamane il presidente ha tentato di chiudere diverse trattative senza successo, alcune delle quali proprio all’ultim’ora.

Il primo tentativo è stato lo scambio Obodo-Tognozzi con l’Udinese, respinto dai friulani. Nata e formulata oggi la proposta di 1,5 milioni al Pisa per Genevier, stranamente rifiutata. In extremis il tentativo col Piacenza per Tommaso Bianchi, che stava assumendo i contorni della concretezza: 1.5 mln più il cartellino di Tognozzi, è stata l’offerta accettata dagli emiliani, che poi non si sono accordati con l’ex pescarese per l’ingaggio. Il sacrificio di Tognozzi sarebbe servito per ottenere un grandissimo prospetto del calcio italiano, Bianchi è in grado anche di coprire tutti i ruoli dal centrocampo in su.

Molto duttile anche il neoacquisto Di Gennaro, di cui parleremo nell’articolo di valutazione sulla squadra. Infine, per quanto riguarda l’attaccante Rakic, pare che ci sia la longa manus del Genoa nella conclusione di quest’affare.

p. f.