Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Pudil: spinta, cross e gol al servizio della Reggina ?

Pudil: spinta, cross e gol al servizio della Reggina ?

Anteprimadi Pasquale De Marte

L’ACQUISTO DEL NAZIONALE CECO POTREBBE ESSERE IL PRIMO BOTTO DELLA CAMPAGNA ACQUISTI AMARANTO
Dopo Lejsal e Jiranek, un altro giocatore ceco potrebbe vestirsi d’amaranto. Si tratta di Daniel Pudil, esterno sinistro della nazionale ceca non ancora ventitreenne  , che ha saltato gli ultimi europei per un infortunio alla mano (frattura del quinto metacarpo dell’arto superiore destro).

In patria si è cercato di far luce sulle circostanze che hanno fatto che si che il giocatore risultasse indisponibile per la rassegna continentale, e secondo le indiscrezioni rivelate dai media locale pare che i suoi problemi fisici fossero la conseguenza di un incontro ravvicinato con Jiri Vagner, calciatore del Bohemians, altra formazione di Praga.

Lo stesso Pudil ha provato a smentire l’accaduto , sostenendo che l’incidente sia avvenuto durante la celebrazione un po’ troppo irruenta e festosa di un gol, senza però riscuotere molto credito tra l’opinione pubblica ceca.

Non  è la prima volta che il centrocampista si trova nei guai per la sua condotta extracalcistica, visto che in passato aveva già rimediato delle sanzioni per esser stato colto alla guida di un auto in stato di ebbrezza.

Le sue sortite fuori dal campo hanno spinto lo Slavia Praga,  che ha avuto il calciatore in prestito nell’ultima stagione, a non esercitare il diritto di riscatto sul cartellino,  detenuto dallo Slovan Liberec, nonostante l’importante contributo offerto da Pudil durante l’ultima stagione che ha visto la formazione della capitale conseguire il titolo nazionale e partecipare alla Champions, durante la quale si ricorda un grandissimo gol  al volo  e di sinistro, segnato al Siviglia proprio dall’obiettivo di mercato di Foti.

E’ un vizio ricorrente quello delle realizzazioni, per l’esterno sinistro che ha grande abilità nell’inserirsi e nel finalizzare il gioco ,  oltre a quella di spingere con grande profitto e costanza  nell suo settore di competenza e mettere palloni interessanti per gli attaccanti, grazie ad un piede che gli permette di calciare molto bene anche dalla distanza.

Sono state sei le marcature siglate nell’ultimo campionato ceco, mentre in nazionale è già finito nel tabellino dei marcatori nel corso di una sfida contro Cipro, nel corso di una delle tre presenze collezionate nella selezione di Bruckner, dopo aver fatto tutta la trafila nelle rappresentative giovanili.

Le sue qualità tecniche sono notevoli e non è mistero che farebbero al caso della squadra di Orlandi che allo stato attuale non avrebbe un giocatore in grado di fare l’esterno alto nel 4-4-1-1 di partenza che l’allenatore lombardo intende utilizzare, se non un Fabiano che non pare offrire tantissime garanzie.

Non è la prima volta che la Reggina si trova a trattare con lo Slovan, visto che nel 2000 Foti era riuscito a portare in Italia il già citato Jiranek e nel 2003 aveva prestato il giovane Lejsal alla formazione di Liberec.

Ci sono delle differenze tra domanda e offerta, ma il fatto che Pudil sia già arrivato a Reggio, sostenendo le visite mediche, autorizza un cauto ottimismo nella buona riuscita dell’operazione.

Potrebbe essere il primo vero grande colpo del mercato amaranto, con un trasferimento che ricorda tanto quello di Barreto della scorsa stagione,  quando un importante gruppo di squadre concorrenti ad ottenere le prestazioni del centrocampista paraguiano vennero sbaragliate dalla Reggina che trovò l’accordo con il Nec battendo tutti sul tempo arruolando un giocatore giovane, di sicuro affidamento e discreta esperienza internazionale.