Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Ad un cosentino il “pallino d’oro”

Ad un cosentino il “pallino d’oro”

E' andato al cosentino Domenico Giannotta il primo premio della sedicesima edizione del "Pallino d'oro" la gara regionale di bocce, tenutasi nei giorni scorsi a Reggio Calabria. La manifestazione, organizzata dalla società Bocciofila “Città di Reggio Calabria” presieduta da Demetrio Surace, ha avuto un enorme successo. Il pubblico delle grandi occasioni ha fatto da cornice, al bocciodromo di via Sila, alla finale per certi versi “anomala” che ha visto in pista, il già citato, Giannotta contro il siciliano Rocco Oteri, tesserato per la società San Giovannello di Messina. Giannotta è giunto in finale dopo un appassionate semifinale disputata con il giovanissimo Giovanni Piscitelli della società Città di Crotone, mentre Oteri in semifinale ha affrontato il valido Attilio Bufanto della società cosentina Bocciofila Belvedere. La finale ha regalato al pubblico un Giannotta, stranamente emozionato e proteso ad imporre la propria tecnica con un certosino lavoro su pallini corti, precisi accosti, micidiali raffate e, in qualche occasione, colpi al volo da manuale. Da da parte sua, invece, Oteri, con una flemma quasi nordica, ha tentato di non dare troppo fiato all’avversario effettuando un gioco variegato che, anche se spesso non condiviso dal pubblico, gli ha permesso di tenere testa al più giovane avversario ed uscire a testa alta tra gli applausi. Interessante vedere nell’impianto numerosissimi giovani che dopo aver giocato e perso sono rimasti a bordo pista per tentare di apprendere la tecnica di tantissimi atleti esperti giunti sia dalla Calabria che dalla Sicilia. Gli atleti reggini hanno tenuto duro e cercato di resistere ma, man mano che il tabellone andava avanti e le partite divenivano sempre più impegnative, erano gli atleti più esperti a proseguire. Solo il giovanissimo reggino, Emanuele Quartuccio, tesserato per la società organizzatrice, dopo aver superato la propria batteria ha conquistato un ottimo undicesimo posto che poi si è rivelato essere la migliore prestazione dei bocciofili reggini. Immensa la soddisfazione di tutto l’entourage organizzativo che ha visto nel vicepresidente Mimmo Quartuccio l’uomo faro. Impeccabile la direzione di gara dell’arbitro Nazionale Emilio Segreti del Comitato di Cosenza. Considerato il successo della manifestazione a questo punto urge realizzare il Bocciodromo in Via Messina. Con questi numeri, con un pubblico partecipe e con tanti giovani che scelgono di praticare sport alternativi come le bocce, sarebbe un vero peccato rimandare ancora.

 

Fabio L. Macheda