Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Leon:”Se segno alla Reggina, esulto”

Leon:”Se segno alla Reggina, esulto”

Era iniziata nel 2001 la storia del matrimonio tra la Reggina e Julio Cesar Leon, talentuoso ventiduenne honduregno dell'Olimpia Tegucigalpa su cui pare ci fossero anche gli occhi della Juventus di Moggi.

Il connubbio ebbe nelle prime due stagioni una fase di grande fortuna, con il giocatore, oggi al Genoa, che per qualche mese trovò anche il modo di insidiare il posto a Cozza, ma il capitano ben presto si riappropriò del suo ruolo, approfittando anche della pericolosa involuzione del compagno di squadra, il quale iniziò a trovare poco spazio (anche per la presenza di Nakamura) e a girovagare per squadre di serie B e C (Fiorentina, Catanzaro, Sambenedettese solo per citarne alcune).

L'anno 0 della sua carriera fu quello della scorsa stagione in cui sotto l'egida di Mazzarri è finalmente riuscito ad imporsi in massima serie, convincendo il Genoa, lanciato verso la serie A, a fare un offerta per il suo cartellino, a cui Foti non avrebbe potuto dire no (poco più di tre milioni di euro) suscitando le ire del tecnico livornese, placate dall'ingaggio di Foggia durante il mercato invernale, pochi giorni dopo la cessione di Leon.

Domani affronterà per la seconda volta la Reggina (era già accaduto al Granillo all'andata) per cui ha parole di grande riconoscenza: "A Foti  devo tanto, perchè mi ha portato in Italia e mi ha dato l'opportunità di misurarmi in un calcio importante come quello italiano a cui aspiravo sin da bambino. Se dovesse capitare di segnare, esulterei perchè adesso sono un giocatore del Genoa, ma lo farei con rispetto nei confronti dei miei vecchi tifosi e della mia ex società".

 Leon non sarà l'unico ex, visto che sotto la Lanterna sulla sponda rossoblù militano calciatori che hanno già avuto un passato a Reggio Calabria come Alessandro Lucarelli, Gaetano De Rosa, Alessio Scarpi e Marco Borriello.

 

Sono invece tre gli amaranto che hanno indossato la  maglia dei grifoni ovvero Campagnolo, Makinwa e Cozza, senza dimenticare che Lanzaro prima di arrivare a Reggio era passato al Genoa in sede di calciomercato, prima che la nota vicenda di illecito sportivo contestata a Preziosi portasse i liguri in serie C e  il giocatore a trasferirsi sullo Stretto.