Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Livorno-Reggina, le pagelle di Strill.it

Livorno-Reggina, le pagelle di Strill.it

di Pasquale De Marte 

Campagnolo voto 7 – Nel primo tempo tiene a galla la squadra, apparsa a larghi tratti in balia dell’avversario, con interventi prodigiosi.

Lanzaro voto 5,5 – In avvio Diamanti sfonda soprattutto dalla sua parte, nella ripresa migliora.

Valdez  voto 6 – Rimedia alla grande quando Aronica “lancia” Tavano solo davanti a Campagnolo e nel complesso sbaglia poco.

Aronica voto 5,5 – Torna nel ruolo di centrale, ma macchia clamorosamente la sua prestazione con un retropassaggio che senza l’intervento di Valdez gli sarebbe potuto costare molto caro.

Costa voto 6 – All’esordio da titolare non combina particolari guai alla difesa  e per un giovane al debutto è già un successo.

Cozza voto 5,5 – Paga la stanchezza e non è decisivo come contro il Siena.

Barreto voto 5,5 – Nel primo tempo soffre anche lui, come Lanzaro, la verve di Diamanti.  Nel secondo tempo si allenta la pressione toscana, e lui sale di tono.

Cascione voto 6,5 – Il migliore tra i centrocampisti. Come al solito si fa valere nel gioco aereo, vince parecchi contrasti e nei limiti delle possibilità della squadra lancia gli attaccanti. Farina gli nega la possibilità di mandare in porta Brienza non concedendogli il vantaggio in una circostanza.

Modesto voto 5,5 – L’azione del gol nasce anche da una sua iniziativa che culmina con un passaggio per Brienza, ma per il resto della gara non riesce mai ad attaccare Balleri nonostante abbia le potenzialità per metterlo in difficoltà.  Nella ripresa va a fare il terzino al posto di Costa.

Brienza voto 6,5 – Il suo primo tempo è da oggetto misterioso fino a quando non trova un gol che illude la Reggina di poter vincere una gara giocata male.  Come al solito con una giocata riesce a fare la differenza.

Amoruso voto 5,5 – Fa il centravanti e si vede da lontano che non è un ruolo che gradisce particolarmente, e dalle prestazioni si evince che non è certo la collocazione a lui più congeniale.  Fa quello che può, quando va  però Stuani a fare la prima punta, la differenza nel suo rendimento è tangibile.

Missiroli voto 5,5 – Dallo schieramento difensivo in occasione del gol di Bogdani, si nota una sua marcatura troppo allegra sul centravanti albanese.  Trova un’ammonizione che gli farà saltare la gara col Napoli, essendo già diffidato.

Hallfredsson S.V.

Stuani S.V.

Orlandi voto 6 – La sua squadra paga la stanchezza, lui prova a cambiare le carte in tavola operando i cambi più congrui alla situazione in atto.