Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina- Juventus, le pagelle di Strill

Reggina- Juventus, le pagelle di Strill

Campagnolo voto 5 – La papera che vale il momentaneo pareggio di Del Piero è molto grave, il coraggio di Dondarini e la freddezza di Amoruso lo salvano.

Cirillo voto 6,5 – Quando si tratta di impostare i suoi piedi non proprio raffinati non lo aiutano, ma a volte più che la tecnica a fare la differenza è il cuore che si mette in campo.

Lanzaro voto 6,5 – Pochissime sbavature, peccato per l'ammonizione che lo costringerà a guardare da casa Lazio-Reggina.

Valdez voto 7 – La sua partita è perfetta, la chiusura che nega a Camoranesi la possibilità di tirare a botta sicura è da applausi.

Aronica voto 6,5 – Come i suoi compagni di squadra riesce a tenere botta con lo spuntato attacco juventino.  Quando si tratta di rilanciare a casaccio per alleggerire la pressione non si tira indietro.

Vigiani voto 6.5 – I problemi principali alla Juventus li crea lui assieme a Modesto nel primo tempo, nel secondo tempo è più propenso a contenere che ad offendere.

Barreto voto 6,5 – Tiene la sfera al piede con grande disinvoltura, tant'è che a volte si ritrova a fondo campo o oltre la linea laterale perchè il campo è finito e lui continua a portare palla. Nel complesso la sua prova è più che positiva. E' lontano lo spettro del giocatore di inizio anno.

Cascione voto 6,5 – La sua presenza da titolare spiazza un pò tutti, ma lui gioca bene e di testa le prende quasi tutte lui.

Modesto voto 7 – Nel primo tempo gioca qualche metro più avanti, grazie alla licenza di offendere che gli viene data dall'allenatore. Quei chilometri macinati sulla fascia hanno richiamato alle prestazioni dello scorso campionato.

Brienza voto 7,5 – E' l'uomo in più della Reggina.  La freddeza con la quale guarda Belardi prima di beffarlo all'angolino è impressionante.

Amoruso voto 7 – Non gioca la sua partita migliore, ma la statura di un giocatore si valuta anche dagli episodi. Tira un rigore a tempo praticamente scaduto come se lo stesse calciando in allenamento, isolandosi dalla pressione delle quasi trentamila persone ai lati del terreno di gioco e di chi ha in mano una patata molto bollente per il futuro della propria squadra.

Tognozzi voto 6 – La sua presenza in campo si avverte in positivo, per sua sfortuna la Juve trova il pareggio dopo il suo ingresso in campo.

Costa s.v.

Makinwa s.v.

Ulivieri voto 6,5 – La scelta di Cirillo sulla fascia dà i suoi frutti, nella ripresa era fisiologico che la squadra subisse la reazione della Juventus. Qualche demerito gli può essere attribuito per aver inserito troppo tardi elementi che avrebbero potuto sfruttare gli spazi in contropiede, vedi Makinwa.

Pasquale De Marte