Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Mi porti una pizza, anzi una torta…

Mi porti una pizza, anzi una torta…

ulivieri01mUlivieri è simpatico.

Ulivieri è una persona per bene.

Ulivieri è anche un esperto di calcio.

Ulivieri, come tutti, ha idee e modi di vedere personali. Anche, o soprattutto, riguardanti il calcio.

Ora, se io devo fare una pizza napoletana dovrò procurarmi gli


ingredienti: la pasta, il pomodoro, la mozzarella, le acciughe e i capperi.

Se invece di questi – o di alcuni di questi – mi ritrovo la panna le alternative sono due: o rinuncio alla pizza o faccio, invece della pizza, una torta.

Fare una pizza con la panna potrebbe risultare altamente rischioso.

Grosso modo alla Reggina sta accadendo questo.

Lillo Foti, dopo la campagna trasferimenti di gennaio, ha allestito una squadra (chissà se anche stavolta ha fatto tutto da solo, senza nemmeno sentire il tecnico) che ha nel reparto offensivo quello di gran lunga migliore.

Gente come Amoruso, Brienza, Makinwa, Stuani, Cozza garantisce spessore e cifra tecnica.

E però Ulivieri non ha mai caratterizzato le proprie squadre per una spiccata propensione offensiva. Risultato: Amoruso si accomoda in panca per la seconda volta consecutiva, stavolta assieme a Cozza ed al nuovo arrivato Makinwa.

Nella ripresa, più per necessità che per "seguir virtute e canoscenza", il tecnico corre ai ripari e quella amaranto diventa una squadra da far strabuzzare gli occhi a tutti, telecronisti di Sky in testa. E così cominciamo con Ceravolo e Brienza e finiamo con lo stesso Brienza più Amoruso, Makinwa e Cozza…

La Roma ringrazia.

Il cuoco ancora non ha capito se deve fare una pizza o una torta…ed ora arrivano Udinese e Juventus.

Giusva Branca