Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Roma-Reggina, le pagelle di Strill.it

Roma-Reggina, le pagelle di Strill.it

Campagnolo voto 5,5  – Qualche uscita poco sicura,  un paio di rinvii sbilenchi e un gol in cui sembra restare troppo a guardare.  Nessuna colpa specifica, ma un senso di insicurezza generale che non  fa certo parte del suo repertorio.

Lanzaro voto 5,5 – Macchia una gara diligente con una grave dimenticanza quando lascia Mancini libero di ribadire a rete la ribattuta di Campagnolo in occasione del secondo gol.

Valdez voto 6 –  Sbaglia in una sola circostanza quando fa saltare Totti indisturbato, poi non va in affanno anche quando la squadra difende bassa.

Aronica voto 5,5 – Torna titolare dopo una gara di riposo forzato dalle scelte tecniche e la difesa balla un po’  di meno, sicuramente non è un caso, anche se perde Panucci in occasione del primo gol romanista.

Modesto voto 5,5 – Nel primo tempo si nasconde tra le fila del gioco, nella ripresa alza di qualche metro la sua posizione senza grossi risultati.

Missiroli voto 6,5 – Nel finale paga la stanchezza, ma per il resto della gara è probabilmente il migliore tra i centrocampisti.  Inizia da rifinitore e finisce da esterno destro, a testimonianza della sua grande duttilità.

Tognozzi voto 5,5 – Tanta quantità, poca, pochissima qualità.  Ogni tanto scende in marcatura su Giuly come aveva fatto sette giorni prima con Rosina, e i risultati sono analoghi e non certo soddisfacenti.

Barreto voto 6 – Sbaglia qualche passaggio, ma offre il suo brio al centrocampo e qualche pallone interessante parte dai suoi piedi in occasione di alcuni calci piazzati, altri invece li  manda in curva. Viene annullato un gol arrivato dopo una sua grande conclusione.

Brienza voto 6,5 Soffre nel primo tempo, meglio quando viene spostato a destra e in una posizione meno avanzata dove trova maggiore libertà e possibilità di esprimere le sue qualità.

Vigiani voto 6 – Come al solito fa bene le due fasi, ma non si fa trovare sempre pronto in zona gol.  Nel primo tempo spara alle stelle una discreta palla, nella ripresa perde l’attimo in una buona occasione.

Ceravolo voto 5 – Gioca come una prima punta che non è una prima punta, i risultati li conosciamo e sono quelli che si ripetono ogni domenica. La colpa non è ovviamente sua.

Makinwa voto 6,5 – Il raddoppio romanista parte da una sua palla persa, ma le negligenze difensive che seguono non sono certo demerito suo.  Dà profondita e allunga la squadra dimostrando di essere il giocatore che serviva alla Reggina.  La sfortuna e un incrocio dei pali gli negano la gioia del gol all’esordio in amaranto.

Amoruso voto 6,5  Nel secondo tempo, da solo, tiene più palla di quanto non abbiano fatto tutti i suoi compagni insieme nella prima frazione.  E’ il più pericoloso in zona gol. E ancora non è al meglio…

Cozza s.v.

Ulivieri voto 5,5 – La troppa prudenza nelle scelte iniziali non è sembrata una buona scelta alla luce di quanto la squadra ha fatto vedere nella ripresa.  L’opinabile scelta di Ceravolo prima punta potrebbe essere giunta al capolinea dopo la prestazione odierna di Makinwa.  Il buio di alcune fasi di gara è dovuto anche all’unico buco che si ritrova in organico : l’assenza di un regista.

Pasquale De Marte