Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Verso Sampdoria-Reggina

Verso Sampdoria-Reggina

Sample ImagePiù che per Nicola Amoruso, prodotto del settore giovanile blucerchiato, più che per il passato più o meno recente di gente come Ulivieri e Bonazzoli, Reggina – Sampdoria sarà la sfida che per la prima volta vedrà incrociare, da avversari, le strade di Walter Mazzarri e della squadra amaranto.

Era finita con i cori dei tifosi  che imploravano la permanenza in riva allo Stretto  del tecnico livornese e con il delirio della festa per la clamorosa salvezza dello scorso anno, ottenuta facendosi quasi beffa degli undici punti di penalizzazione.   Sabato, a Marassi, andrà in scena tutto un altro film.


   

I doriani dopo il cappotto rimediato a Livorno saranno chiamati ad una reazione per evitare di alimentare i malumori che serpeggiano nella tifoseria ligure, con cui lo stesso Mazzarri non sembra aver trovato lo stesso feeling  che si era instaurato con i sostenitori della Reggina.

Non è un caso che le dichiarazioni offerte ai media genovesi siano cariche di controsensi che nascono dalla contrapposizione delle ragioni che partono dal cuore a quelle professionali: “A Reggio ho lasciato il cuore, ma domenica voglio i tre punti che devono essere conquistati con rabbia e convinzione, perché solo con queste armi possiamo avere la meglio su una squadra in forma, fatta anche di buoni giocatori e guidata da un tecnico valido e che, purtroppo, mi conosce troppo bene”.

Gli amaranto, dal canto loro, necessitano di punti che possano tirarla fuori dalla zona calda della classifica e di dare seguito alla serie utile di tre partite che ha avuto inizio dalla prima uscita in panchina di Mister Ulivieri, che pare aver definitivamente plasmato la squadra a sua immagine e somiglianza.

Dalle parti del S.Agata, in molti lo pensano, ma nessuno lo dice, si augurano di tornare a giocare undici contro undici dopo i benefici avuti dalla Fiorentina grazie al contributo dell’uomo aggiunto Ayroldi, appiedato da Colina dopo il pessimo operato offerto nella sfida del Granillo di domenica scorsa.

Ulivieri, però, teme la minaccia Mazzarri: “Ci conosce fin troppo bene e saprà colpirci nei nostri punti deboli, e il fatto che abbia perso malamente aumenta i miei timori perché credo che avrà tanta voglia di riscatto.”.

Tra i doriani si è fermato Mirante che potrebbe aggiungersi alla lista degli indisponibili che comprende Del Vecchio, Cassano e Montella.  Ciò non impedirà alla Samp di mettere in campo una formazione competitiva che farà leva sulla capacità di scardinare le difese del tandem offensivo composto da Bellucci e Caracciolo.

La Reggina spera invece di poter usufruire dello schieramento- tipo, recuperando Lanzaro e inserendo nuovamente Barreto al posto di Missiroli in mezzo al campo.   Se il difensore non dovesse farcela,  ci sarà da optare per Valdez largo a destra con Cherubin centrale o per il danese Stadsgaard come terzo marcatore a destra, soluzione già provata negli ultimi minuti della sfida contro la Fiorentina.

L’alternanza tra Ceravolo e Joelson dovrebbe, questa volta, premiare l’attaccante di Locri che, salvo sorprese, partirà dall’inizio.

Intanto, sono venti i convocati e finalmente si rivede Ciccio Cozza.  Ecco l'elenco completo: Campagnolo, Novakovic, Valdez, Lanzaro, Aronica, Alvarez, Cherubin, Modesto, Stadsgaard, Barreto, Hallfredsson, Montiel, Cascione, Missiroli, Vigiani, Cozza, Amoruso, Joelson, Ceravolo, Tullberg.

 

   

Pasquale De Marte