Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, domenica arriva il Genoa

Reggina, domenica arriva il Genoa

 

Sample ImageLa storia recente delle sfide tra Genoa  e Reggina affonda le radici in un risultato che poco più di dodici anni fa suscitò molto clamore per la portata dello scarto con cui i rossoblu, appena retrocessi dalla serie A,  ebbero la meglio sugli amaranto, freschi di promozione tra i cadetti, al Ferraris.

Si trattò di un 7-0 che costò il posto ad un pezzo di storia della Reggina, Sandro Merlo, il quale dovette lasciare il posto di numero uno ad un giovane rampante che proveniva dalle giovanili del Cagliari, Alessio Scarpi.

Per ironia della sorte l'estremo difensore di Jesolo, oggi, milita nelle fila dei liguri ed è il secondo di Rubinho, oltre che uno dei cinque ex amaranto che fanno parte della rosa genoana.  Saranno quattro, però, quelli che potranno scendere in campo poichè Marco Borriello , passato per un anno dalle parti del S.Agata e autore di una stagione non certo esaltante sotto la guida di Mazzarri, appiedato dal giudice sportivo salterà la gara del Granillo.

Indubbiamente un vantaggio per Ulivieri , che affronterà un avversaria priva del suo terminale offensivo principale, autore di sei gol in questa prima fase di stagione.  Il riferimento offensivo potrebbe   perciò essere Lucho Figueroa, che dopo tanti mesi di calvario trascorsi lontano dai campi di gioco per un bruttissimo infortunio, a Reggio potrebbe tornare titolare, dopo aver già fatto il suo esordio in campionato con la Fiorentina e giocato qualche minuto contro il Palermo. La contemporanea assenza di Papa Waigo fa si che le quotazioni dell'argentino siano aumentate in modo esponenziale, ma il trio più accreditato a comporre il tridente di Gasperini è quello composto dall'altro ex Leon, dal reggino Sculli  e da Marco Di Vaio.

Quello dell'ex tecnico del Crotone è un calcio che fa leva sulla velocità di corsa e di esecuzione dei propri uomini e che soprattutto riesce a dare il meglio quando viene espresso tra le mura amiche.  La Reggina ha però manifestato più volte la propria insofferenza verso squadre che sovente pigiano sul piede dell'acceleratore e forse il Genoa è quella che maggiormente in tutto il campionato riesce a imprimere un ritmo forsennato alle proprie gare.

La difesa anch'essa a tre, salvo complicazioni dell'ultim'ora e in tal senso sono da verificare le condizioni di colui che in genere gioca da centrale Bovo, oltre all'ex giocatore dell'under 21 prevederà la presenza di Konko a destra  e Alessandro Lucarelli a sinistra, il capitano della storica salvezza della scorsa stagione che tornerà a calcare il terreno di  gioco del Granillo, questa volta da avversario.

Solo panchina, invece, per Gaetano De Rosa.   A centrocampo spazio al duo di centrali composto da Matteo Paro e Ivan Juric, anche lui passato da Crotone.  Sugli esterni per la Reggina ci sarà da fare attenzione alla spinta di Rossi, a destra, e Fabiano a sinistra.

Pasquale De Marte