Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Lazio, le pagelle di Strill

Reggina-Lazio, le pagelle di Strill

Campagnolo voto 6 – Solita ordinaria amministrazione, il gol di Kolarov sorprende anche lui pur non avendo colpe specifiche.


Lanzaro  voto 6 – Ottimo in fase difensiva, rivedibile in quella di proposizione. Siamo alle solite.


Aronica voto 6,5 – Buona prestazione del difensore, che dopo le ultime opache uscite gioca una gara come una delle tante che gli sono valse l'apprezzamento della tifoseria amaranto.


Valdez voto 6,5 –  Se limita la sua irruenza è un bon difensore, e oggi l'ha dimostrato.


Modesto voto 5,5 – Sbaglia un gol clamoroso e commette una grossa ingenuità dando modo a Tagliavento di espellerlo e di privare la Reggina di una delle sue pedine più importanti per la prossima gara.


Barreto voto 6,5 – Finalmente inzia a prendersi qualche responsabilità e a non limitarsi al compitino.  Buona prova.


Cascione voto 6 – Il centrocampo che ha di fronte non è certo composto da ultimi arrivati, ma lui non demerita affatto.


Halfredsson voto 7 – Recupera, imposta, offre assist e per la prima volta dà l'impressione di reggere per l'intera gara. I numeri li ha e quando gli riescono sono una delizia per il pubblico.


Vigiani voto 5,5 – E' una spina nel fianco e fa vedere i sorci verdi a Kolarov nella prima frazione che spesso lo perde e lo fa arrivare al cross dal fondo. Peccato che i traversoni siano tutt'altro che pericolosi.


Amoruso voto 6 – La posizione di centravanti non è quella più congeniale alle sue caratteristiche, seppur la prova sia nel complesso positiva. Dare la palla a lui è come metterla in banca, ma fare il punto di riferimento in avanti gli fa perdere lucidità davanti alla porta, il gol mancato non è un caso


Cozza voto 7 – L'incoraggiamento del pubblico, arrivato già dal riscaldamento prepartita, lo carica e gioca una gara da incorniciare. A parte il gol, le trame più interessanti partono dai suoi piedi. Esce lui e la luce si spegne.

Joelson voto 5 – La Serie A non è esattamente casa sua.  L'arrivo di Stuani, a Gennaio, potrebbe definitivamente chiudergli le porte e con le sue prestazioni non sta facendo certo nulla per migliorare la sua posizione.

Missiroli voto 5 – Avrebbe bisogno di fare esperienza, non trae certo giovamento da prestazioni come quella odierna e i fischi del pubblico  non lo aiutano.

Pasquale De Marte