Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Basket, nazionale: Recalcati resta al suo posto

Basket, nazionale: Recalcati resta al suo posto

Il fallimento dell'ultimo europeo, con la mancata qualificazione anche alle Olimpiadi di Pechino 2008, non e' costato il posto al ct Carlo Recalcati che restera' in carica dunque fino allo scadere del suo contratto, al termine degli Europei del 2009. Nonostante la grande delusione, soprattutto per le aspettative che si erano create sulla nazionale azzurra prima della partenza per la Spagna, il Consiglio federale guidato dal presidente Fausto Maifredi, ha deciso di confermare la fiducia al tecnico milanese, sottolineando che nelle prossime due stagioni Recalcati non si avvarra' dell'opzione prevista nel contratto del part-time, ma si occupera' della nazionale al 100%, seguendo in particolare anche i raduni delle nazionali giovanili. ''E' vero – ha ammesso il n.1 della Federbasket – l'europeo spagnolo e' stato un fallimento. La delusione e' doppia perche' abbiamo mancato soprattutto la qualificazione a Pechino 2008, non solo dalla porta principale, ma anche da quella secondaria. Nonostante questo riteniamo sia giusto continuare la nostra collaborazione con Recalcati (confermato tutto lo staff tecnico). E' la persona giusta per rinnovare la nostra nazionale''. Al termine della sua relazione, durata oltre due ore e mezza, il commissario tecnico e' riuscito dunque a convincere il consiglio federale, che all'unanimita' ha deciso di continuare il rapporto con Recalcati e il suo staff: ''Dobbiamo riconoscere – ha aggiunto Maifredi – che i giocatori italiani in questo momento sono questi. Altri non ce ne sono. Siamo caduti davvero in basso, e abbiamo scelto Recalcati per questo lungo e difficile processo di rinnovamento. La nostra fiducia e' intatta e non perche' ci sia un contratto gia' esistente''. Qualcuno si aspettava pero' le dimissioni del commissario tecnico, e si erano gia' fatti i nomi di Messina e Scariolo: ''Non ho contattato nessuno – ha concluso Maifredi – Non sarebbe stato corretto, specialmente perche' io stesso avevo contribuito al rinnovo di Recalcati. Non mi aspettavo che si dimettesse, l'aveva gia' detto dopo Madrid e lo ha confermato oggi''. (ANSA).