Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Torti arbitrali: la Reggina approda in Parlamento

Torti arbitrali: la Reggina approda in Parlamento

Le decisioni arbitrali nelle gare che hanno visto impegnata la Reggina Calcio nelle prime due giornate del campionato di serie A 2007-2008 sono state oggetto di una interrogazione dell'on. Guglielmo Rositani, deputato di An, al Ministro delle Politiche Giovanili e Attivita' Sportive, Giovanna Melandri "Nelle prime due giornate del nuovo campionato – scrive Rositani – la Reggina, con giudizio unanime di tutti coloro che a vario titolo hanno seguito gli incontri, ha gia' subito diversi "torti" arbitrali. Precisamente – spiega – un calcio di rigore chiaramente inesistente assegnato all'Atalanta nella partita dello stadio "Granillo" di Reggio Calabria, con il conseguente risultato di pareggio anziche' della meritata vittoria; un gol irregolare convalidato al Torino nella successiva gara in terra piemontese, avendo la palla oltrepassato la linea di fondo campo al momento del cross per il calciatore autore del gol locale, come evidenziato da tutte le moviole delle trasmissioni televisive nazionali e un rigore non concesso, invece, alla Reggina, trasformato dall'arbitro in punizione a due in area, per un'entrata durissima di un difensore del Torino sull'attaccante della squadra calabrese lanciato a rete. Il calciatore, fra l'altro, – sottolinea Rositani – a causa di quel brutto fallo, ha subito un serio infortunio al lobo sinistro di un orecchio per il quale e' stato necessario un intervento del medico sociale in campo che ha applicato al giocatore alcuni punti di sutura". Rositani chiede pertanto al ministro "se non ritiene di intervenire presso le autorita' competenti per suggerire, sollecitare o concordare di ampliare, dopo tanti anni di discussione in merito, i casi di utilizzo degli strumenti tecnologici, come ad esempio nel rugby, al fine di evitare gratuite penalizzazioni a carico delle societa', molte delle quali peraltro sostengono il campionato tra mille difficolta' economiche e finanziarie, ed il conseguente stravolgimento della classifica generale". (AGI)