Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Piacenza,le pagelle di Strill

Reggina-Piacenza,le pagelle di Strill

Novakovic 6 – Si disimpegna bene, qualche parata per i fotografi e poche sbavature. Non dimostra di essere una sicurezza assoluta ,ma può ancora crescere…


Alvarez 6 – Meglio quando si tratta di spingere. E’ più un esterno di centrocampo che un difensore di fascia, e si vede.


Lanzaro 5,5 – Qualcuno si chiedeva perché Ficcadenti gli avesse preferito Valdez contro l’Atalanta, forse stasera ha avuto la risposta. Qualche calo di concentrazione di troppo,il secondo gol nasce da un suo errore in disimpegno.


Cherubin 5,5 – Grande fisico,deve lavorare molto soprattutto in fase di impostazione e probabilmente è colui il quale si fa scappare Bianchi sul primo gol piacentino.


Barillà 6  – Fino a quando  è in campo non demerita. Un paio di buone discese sulla sinistra e una conclusione dalla lunga distanza che impegna il portiere avversario. Ha grande personalità,ma per ora Modesto è un’altra cosa, tenendo conto che lui ha solo diciannove anni.


Missiroli 5,5 – Gioca da centrocampista e non brilla. Perde qualche pallone di troppo e sbaglia un’occasione in cui sbagliare è la cosa più difficile. Rivedibile.


Cascione 5,5 – Un passo indietro rispetto a domenica. Probabile che abbia deciso di risparmiarsi un pò, l’unica cosa certa è che il vero Cascione non l’abbiamo ancora visto e arriverà con il miglioramento della condizione fisica.


Tognozzi  5,5 –  Per lui la partita non ha toni amichevoli e si batte come se stesse giocando la Champion’s League,ma è fatto così e Reggio lo apprezza per questo. Viene da un infortunio e  ha ancora bisogno di qualche tempo per tornare quello dello scorso campionato.


Cozza 6 –  Trova un gol con una prodezza balistica. La classe c’è,la condizione ancora no…  Di sicuro ha dimostrato di essere in grado di incidere più di Joelson e a Torino potrebbe giocarsi un posto da titolare con il brasiliano e Ceravolo.


Ceravolo 6,5 – Continua a sorprendere il ragazzo di Locri. Ha facilità nel saltare l’uomo e sa farsi trovare sempre in posizione vantaggiosa per concludere a rete. Ficcadenti crede in lui e anche i tifosi stanno imparando ad apprezzarlo. Bella la sua realizzazione di testa.


Joelson 5– Neanche contro il Piacenza riesce a dare una sua impronta alla partita, ha buone idee ma mantiene in campo un atteggiamento piuttosto fumoso e di concreto riesce a combinare poco.  E’ lui la delusione di queste prime due uscite ufficiali della stagione.


Modesto 6,5 – Entra e cambia la partita,mica male. Il timido giocatore prevelato dall’Ascoli,via Palermo,due stagioni fa è diventato uno che fa la differenza,e se si gioca contro una squadra di categoria inferiore fa si che la forbice si allarghi ancora di più.


Barreto  6,5 – Anche oggi sbaglia qualche passaggio,ma vince più contrasti e riesce a fare quello che sa fare meglio: inserirsi per andare a rete e calciare i calci piazzati. Sfiora la doppietta.


Vigiani S.V.  Poco tempo in campo per poter giudicare la sua prestazione.

Pasquale De Marte