Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina,per Barreto è quasi fatta

Reggina,per Barreto è quasi fatta

Dopo Montiel,ci sarà un altro rinforzo paraguayano per la Reggina. Si tratta di Edgar Barreto,centrocampista ventitreenne che dal 2004 milita nel Nec,nel campionato olandese,da sempre fucina di elementi che si sono ben integrati nei complessi meccanismi del calcio italiano. Gran tiro dalla distanza,buone doti di contenimento e discrete capacità di impostazione rappresentano le credenziali di colui il quale è diventato il punto di forza del centrocampo della nazionale del suo paese,con cui ha esordito 3 anni fa.Si preannuncia come uno dei colpi più importanti del calciomercato amaranto che lo acquisteranno,ammesso che non lo abbiano già fatto,ad una cifra che si aggira attorno ai due milioni di euro. Nei prossimi giorni dovrebbe essere in città per le visite mediche,ma potrebbe anche raggiungere direttamente in ritiro i nuovi compagni. Tognozzi,Barreto,Cascione dovrebbero rappresentare la cerniera di centrocampo della prossima stagione,reparto in cui,però,c'è bisogno di cedere qualche elemento di troppo. Amerini potrebbe accasarsi a Bologna mentre Missiroli accetterebbe di buon grado un'esperienza in prestito che possa fargli trovare più spazio e che gli dia la possibilità di maturare come calciatore. A fronte di queste due probabili cessioni Foti vuole provare a portare a Reggio il talento della Juventus Claudio Marchisio,che la società bianconera è disposta a cedere solo con la formula del prestito secco. La Reggina vorrebbe garantirsi almeno il diritto di riscatto per la comproprietà e sa bene che c'è da vincere la concorrenza del Siena. Le possibilità che l'affare vada a buon fine per una delle due squadre sono notevolmente aumentate dopo che Ranieri ha deciso di puntare su Nocerino. Il Presidente vorrebbe provare a riportare in Calabria Felice Piccolo per dare alla difesa quei centimetri che mancano nei due centrali titolari,Lanzaro e Aronica. Potrebbe,invece, finire lontano da Reggio,a titolo temporaneo,Antonio Giosa che ha richieste da Avellino. Per l'attacco appare poco verosimile l'ipotesi Stellone,per il quale ,tra l'altro,il Torino dà una valutazione astronomica,a causa dell'età avanzata e dall'ingaggio elevato del calciatore. L'idea di avere un attacco da cento anni non affascina Foti,che proprio per questa ragione pare aver frenato bruscamente su Riganò,oltre tutto piuttosto inviso alla piazza. Cacia e Pellè sembrano costare troppo,e non è escluso che per rimpiazzare Bianchi non arrivi qualche sopresa dall'estero,magari l'ennesima scommessa tipica del massimo dirigente amaranto… che però di solito è avvezzo a vincerle.

 Pasquale De Marte