Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / “Sport,minori e società“:anche la Reggina con gli studenti

“Sport,minori e società“:anche la Reggina con gli studenti

Gli episodi di violenza contingenti all'ultimo Catania-Palermo rappresentano un forte motivo di riflessione per gli studenti del Liceo Scientifico "Leonardo da Vinci" di Reggio Calabria che, spinti dall'esigenza di meditare su come una partita di calcio possa diventare il fulcro delle più nere pagine di cronaca,hanno organizzato un dibattito per  sensibilizzare i giovani  alla condanna di questi poco edificanti fenomeni sociali e alla conservazione dei valori della legalità.
Nel corso della  discussione,tenutasi alla presenza di oltre mille alunni (solo una parte degli oltre 2000 iscritti al più grande Liceo dell’Italia meridionale)presso la sala Versace del Ce.Dir. sono intervenuti il direttore generale della Reggina Riccardo Bigon, il viceprefetto di Reggio Calabria Luisa Latella, il presidente del GIP di Reggio Roberto Lucisano, l’assessore alle politiche sociali del comune Tilde Minasi,l’editore di RTV Lamberti Castronuovo e l’avv. Tiziano,esperto di diritto minorile.
Il confronto con i relatori presenti si è rivelato proficuo al fine di individuare,a grandi linee,quale  sia il rapporto tra le istituzioni e i giovani,per provare a eliminare il disagio di questi ultimi ed evitare che vengano educati alla violenza e alla conservazione della propria individualità,a dispetto dello sviluppo comune e della crescita collettiva.
L’evento, voluto fortemente dal Comitato studentesco del Liceo e dal suo presidente Bruno Tripodi,moderatore della conferenza, ha permesso di capire come le nuove leve che formeranno la classe dirigenziale,politica e amministrativa fra qualche anno,non sarà composta solo da individui come quellii fermati al Massimino,dediti alla distruzione e alla negazione delle più elementari norme di convivenza nella società civile.