Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Milan-Reggina, le pagelle di strill.it

Milan-Reggina, le pagelle di strill.it

Pelizzoli: imperdonabile nell'occasione del gol di Pirlo, sul suo palo. Poi chiude in un paio di occasioni la porta della stalla (sul 2-0), ma i buoi erano, ormai, già scappati. Anche sulla rete del 3-1 potrebbe uscire a valanga sui piedi di Gilardino, ma decide di fermarsi e di aspettare le sue mosse: voto 5


Lanzaro: spesso in difficoltà: voto 5,5


Lucarelli: stranamente sostituito, comunque è impeccabile in fase difensiva. Sbaglia, invece, ad un passo dalla porta, il gol dell' 1-1: voto 6,5


Aronica: macchia una partita positiva con il grave errore che lancia l'azione del 3-1 del Milan: voto 5,5


Mesto: ha un pò di difficoltà all'inizio, ma alla lunga esce con personalità in quantità e qualità; sfortunato quando centra il palo da due metri: voto 7


Tognozzi: porta a casa la sufficienza con merito. Ordinato e diligente: voto 6


Tedesco: verticalizza raramente, ma, come sempre, non molla mai e sfiora il 2-2: voto 6,5


Modesto: non spinge come al solito, ma fa bene la fase difensiva: voto 6


Leon: con Ayroldi (che non vede un clamoroso rigore ai danni di Tedesco e ferma Bianchi lanciato verso la porta con un fuorigioco inesistente) è quello che mette la firma più evidente sulla sconfitta della Reggina. Porta palla, innervosisce i compagni, tenta tiri improponibili ed innesca le due azioni delle prime due reti rossonere. Mazzarri lo leva inviperito dopo 58 minuti che, forse, sono stati anche troppi: voto 4,5


Amoruso: si batte, fa le sponde, ma oggi tira poco: voto 6


Bianchi: il solito leone che dà tutto. Si divora un gol ma poi rimedia con una grande rete: voto 6,5


Nielsen: purtroppo manda in curva il pallone del 3-2 e questo è tutto ciò che rimane della sua gara: voto 5,5


Missiroli: non lascia traccia: voto 5,5


Giosa: entra nel momento più difficile per un difensore, con la sua squadra tutta sbilanciata in avanti, ma se la cava: voto 6