Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Mazzarri: “Vorrei che gli arbitri ci facessero giocare alla pari delle altre squadre”

Reggina, Mazzarri: “Vorrei che gli arbitri ci facessero giocare alla pari delle altre squadre”

Non ci sta Mazzarri, il risultato penalizza la sua squadra, la Reggina, per quello che si è visto in campo: "Non parlo di furto, perchè vorrebbe dire che la squadra avversaria ha fatto delle cose brutte. Il Catania ha fatto la sua partita che però è stata inferiore a quella della Reggina che meritava sicuramente di vincere. Non siamo stati precisi e quando abbiamo trovato la porta, di fronte a noi si è presentato un portiere in vena di miracoli". Duro sfogo di Walter Mazzarri, che dice la sua sugli arbitraggi che la Reggina sta avendo: "C'era un rigore chiaro, il gol del Catania era in netto fuorigioco, questi sono episodi determinanti che possono cambiare una giornata che per noi è stata comunque storta. Sono molto contrariato da questa situazione e non parlo di malafede, mi sembra soltanto che, nei confronti della Reggina, forse perchè penalizzata, ci sia un'attenzione minore da parte dei direttori di gara. Nel dubbio il rigore alla Reggina non lo si dà mai, per questo vorrei che ci fosse la possibilità di giocarcela alla pari e non di essere ulteriormente penalizzati oltre all'ingiusta penalizzazione che abbiamo sul groppone". Mazzarri ce l'ha anche col quarto uomo: "Il problema grosso secondo questi signori non è quello di vigilare sulle cose serie, ma quello di controllare se supero di un centimetro l'area delimitata vicino alla panchina". Durante Reggina-Catania è stato espulso il direttore generale Riccardo Bigon: "Il dottore Bigon lo conoscete tutti, è uno che mi calma sempre, una persona tranquilla, oggi non ha potuto fare a meno di commentare due-tre situazioni clamorose ed è stato allontanato". Si ritorna a parlare di calcio giocato: "Abbiamo subito un contraccolpo psicologico non indifferente. Creando sei-sette palle gol non pensavamo di poter prendere la rete da parte dell'avversario, così è stato e poi il Catania ha potuto giocare sul velluto". Sotto esame la prestazione della fascia destra, dove Mesto ed Esteves non hanno garantito la stessa spinta che dall'altra parte ha operato Modesto: "Non c'è incompatibilità tra i due, anzi si completano bene. Dall'altra parte Modesto ha spinto un po' di più, ma secondo me sia Esteves che Mesto hanno fatto una buona gara". Mazzarri non si dà pace: "Abbiamo preso il gol nel momento in cui Marino ha tolto Spinesi e ha messo un centrocampista. Volevano il pareggio e gli è andata più che bene".