Home / Sport Strillit / CROTONE CALCIO / Crotone: Vrenna e Stroppa hanno gettato la maschera, ora viene il bello

Crotone: Vrenna e Stroppa hanno gettato la maschera, ora viene il bello

Il Crotone è riuscito finalmente a mettere il tassello principale al centro del mosaico.  Il suo nome è Giovanni Stroppa.

Ingaggiarlo non è stato semplice, ma è stata una dimostrazione importante data alla piazza. Convincere un tecnico sotto contratto a sposare il progetto pitagorico, significa avere ambizioni di un livello sufficiente a fargli lasciare una piazza significativa come Foggia.

E anche durante la conferenza stampa dell’allenatore del tecnico si è capito che il Crotone si approccia a questa Serie B con un desiderio neanche mascherato: tornare in Serie A.

Se qualcuno credeva che la retrocessione tra i cadetti potesse, in qualche modo, delegittimare le ambizioni pitagoriche si sbagliava di grosso.  Il riscatto di Benali è il primo passo nella costruzione di una squadra che dovrà incendiare uno Scida che, a sua volta, dovrà diventare l’arma in più dei calabresi.

Giocare in un catino infernale sarebbe un vantaggio non da poco.   Tornare alla porta di servizio in massima serie attraverso eventuali sanzioni per Chievo e Parma è una prospettiva cui si sarà attenti, ma non un’ossessione.

L’obiettivo è essere da subito competitivi sul campo.  Vrenna e Stroppa hanno gettato la maschera.  L’obiettivo è tornare in Serie A.