Home / Sport Strillit / CROTONE CALCIO / Crotone, ora o mai più. E’ la giornata decisiva per sperare nella rimonta salvezza

Crotone, ora o mai più. E’ la giornata decisiva per sperare nella rimonta salvezza

Difficilmente ripasserà una simile occasione. Sono novanta minuti decisivi per la stagione del Crotone, il treno della speranza salvezza passa per l’ultima volta. Due i motivi che portano a credere si tratti di uno spartiacque fondamentale per la stagione dei calabresi. L’Empoli, ultimo e unico appiglio da riagganciare, tra pochi minuti scenderà in campo allo Juventus Stadium, con pochissime possibilità di tornare a casa con qualche punto. La seconda motivazione è legata all’avversario ospite domani dello Scida, ovvero il Cagliari che con 5 punti raccolti lontano da casa ha il penultimo rendimento esterno del campionato.

Ci sono quindi fondate speranze di acciuffare i tre punti domani, e di vedersi cosi a – 6 dall’Empoli. Servirà però un Crotone agguerrito e determinato, lo stesso che allo Scida ha sepolto la formazione di Martusciello. Il Cagliari infatti ha un rendimento esterno pessimo ma la tranquillità di chi non ha nulla da perdere e diversi giocatori che fanno dell’esperienza il punto forte, Bruno Alves, Padoin e Borriello su tutti.

Privo di Tonev e con Rohden non al meglio, Nicola deve scegliere i due centrali di centrocampo tra Barberis, Capezzi e Crisetig. Non sembrano esserci altri dubbi di formazione, in attacco conferma per la coppia Falcinelli-Trotta. Il corso di un campionato spesso è fatto di momenti irripetibili , occasioni da cogliere al volo e bivi che spostano in un senso o nell’altro la stagione. I novanta minuti di Juventus-Empoli e Crotone-Cagliari, sembrano appartenere a questa categoria.

Crotone (4-4-2): Cordaz; Rosi, Ceccherini, Claiton, Mesbah; Acosty, Barberis (Capezzi), Crisetig, Stoian; Falcinelli, Trotta. Allenatore: Nicola

Cagliari (4-3-1-2); Gabriel; Isla, Bruno Alves, Capuano, Pisacane; Dessena, Padoin, Ionita; Joao Pedro; Borriello, Sau. Allenatore: Rastelli