Home / Sport Strillit / CROTONE CALCIO / Crotone, la sosta per curare il ‘mal di secondo tempo’. Poi un bis decisivo

Crotone, la sosta per curare il ‘mal di secondo tempo’. Poi un bis decisivo

Maledetti minuti finali. Nicola può sfruttare la sosta per lavorare sul ‘peccato originale’ che ha condizionato il percorso iniziale del Crotone nel suo primo campionato di serie A. Quasi sempre positiva nella prima frazione, la formazione calabrese si è sciolta nella ripresa, venendo beffata in diverse circostanze nei minuti finali. Se le gare finissero dopo 45′ il Crotone avrebbe addirittura 18 punti e stazionerebbe al sesto posto in coabitazione col Milan.

Difetto grave, da eliminare se si vuole puntare alla salvezza con decisione. Al rientro dalla pausa, il Crotone avrà a disposizione due gare interne per accorciare le distanze dalle dirette contendenti in chiave salvezza. Torino e Sampdoria gli ostacoli complicati, anche perchè le formazioni allenate da Mihajlovic e Giampaolo sono particolarmente in forma. Gli esterni granata in particolare, Iago Falque e Ljaic, sembrano poter fare male alla difesa pitagorica. Trattasi di due gare decisive o quasi, è fondamentale infatti poter contare sul fattore Scida per portare fieno in cascina.

Dopo due giorni di riposo concessi da mister Nicola, i rossoblù oggi si sono ritrovati oggi pomeriggio a Steccato di Cutro per riprendere gli allenamenti. Una seduta basata sul lavoro fisico e partitine. Assenti i 4 Nazionali Capezzi (Italia Under 21), Cojocaru (Romania), Rohden (Svezia) e Tonev (Bulgaria). Ha lavorato a parte Stoian. Domani il gruppo continuerà la preparazione con una doppia sessione, sempre sul Park Jonio di Steccato