Home / Sport Strillit / CROTONE CALCIO / Crotone, De Giorgio: “Bari la partita della svolta. Juric farà grande carriera”

Crotone, De Giorgio: “Bari la partita della svolta. Juric farà grande carriera”

La squadra è tornata ad allenarsi. Seppur a Crotone è comunque sempre festa dopo la conquista della serie A, la squadra dovrà pensare che il campionato ancora non si è concluso e soprattutto va onorato fino in fondo. Ci si prepara alla sfida contro il Latina ed immaginabile che lo Scida presenti l’ennesimo grande colpo d’occhio tra presenze e colori. Ha parlato con il sito ufficiale della società uno dei giocatori più esperti del gruppo, il calabrese Pietro De Giorgio, con la casacca rossoblu dal 2010. Il suo racconto della fantastica cavalcata: “Si, siamo riusciti a fare qualcosa di impensabile ad inizio stagione, nel corso dell’anno ci siamo resi conto che si poteva raggiungere qualcosa di incredibile. Gruppo stupendo, straordinario, tanti caratteri insieme ben assemblati. La partita che ha dato la svolta certamente la vittoria di Bari, abbiamo preso consapevolezza dei nostri mezzi e della nostra forza. Fino a dicembre si poteva pensare che prima o poi sarebbe arrivato il calo, Bari una grandissima dimostrazione di esserci e di poter arrivare all’obiettivo. A Crotone da diversi anni si lavora per diventare grandi. Qui sanno aspettare i giovani, si fanno crescere con pazienza e senza pressione. Io son qui da sei anni e la politica è stata sempre questa e ovviamente il giovane che viene anche da una grande squadra lo apprezza. Dopo la gara di Modena non riuscivo ancora a realizzare quanto accaduto. Non ho dormito la notte, rientrato a Crotone, solo in quel momento, mi sono reso conto di quello che era stato fatto. Sono felice ed orgoglioso di far parte di questo gruppo. Ringrazio tutti, il mister che ha dato un notevole contributo, lui farà certamente carriera. La squadra, pur non essendo la top per individualità, ha fatto un lavoro fuori dal normale, la società, la stampa, quando si arriva a raggiungere risultati di così alto livello, il merito necessariamente va diviso verso tutte le componenti”.

fonte: fccrotone.it