Home / Sport Strillit / CROTONE CALCIO / Crotone, novanta minuti ti separano dalla storia. A Modena invasione rossoblu

Crotone, novanta minuti ti separano dalla storia. A Modena invasione rossoblu

Tutto pronto per la grande festa, anzi, per la festa che consentirà al Crotone di entrare di diritto nella storia. Un punto, uno solo e sarà matematica, quella che darà la possibilità ai rossoblu di conquistare il paradiso calcistico, dopo una straordinaria cavalcata. Passione, sentimenti, tifo, attaccamento, un mix di sensazioni che si uniscono sotto la stessa bandiera. Ormai mancano poche ore al match che potrà decidere se per il Crotone sarà serie A già a partire da stasera. Ne sono convinti i mille e passa tifosi che saranno presenti al Braglia, perchè in tanti, la festa, se la vogliono godere in prima persona. Il clima è di grande euforia, a Modena saranno, come detto, più di un migliaio, a Crotone è pronta ad esplodere una intera città. La macchina organizzativa si è messa in moto da giorni, ci sarà solo da attendere l’esito dei novanta minuti da giocarsi nell’anticipo di oggi. Le vie di Crotone sono imbandierate, tutti in possesso anche di un piccolo pezzo di stoffa rossoblu, tutti pronti a riversarsi per le strade, il 29 aprile potrebbe diventare un giorno epocale, indimenticabile. Messa da parte ogni forma di scaramanzia, le istituzioni da una parte e la tifoseria dall’altra, hanno già fissato una serie di appuntamenti. Ma, come detto, ci sarà da giocare comunque una partita e non contro un avversario qualunque, bensì con un Modena alla disperata ricerca di punti per venire fuori dalla zona più pericolosa della classifica. Non ci sarà spazio per distrazioni, il Crotone dovrà essere concentrato ed anche molto nel corso dei novanta minuti, giocare per vincere e non per pareggiare, lo ha ribadito fino alla noia il tecnico Juric. Un risultato positivo consentirebbe di raggiungere la serie A senza dover aspettare il risultato di Trapani, questo è quello che vuole la squadra, questo è quello che vuole una intera città. Non ci resta, quindi, che attendere, dopo Catanzaro e Reggina, un’altra calabrese è pronta a calcare i grandi palcoscenici del calcio italiano.