Home / Sport Strillit / CROTONE CALCIO / Il Crotone ha un piede in serie A. Vicenza battuto 2-0, Pescara a – 10

Il Crotone ha un piede in serie A. Vicenza battuto 2-0, Pescara a – 10

Vittoria decisivA? Il Crotone supera il Vicenza 2-0 e approfitta nel migliore dei modi dei passi falsi di chi precede e segue i pitagorici. Cagliari sconfitto a Cesena, Budimir e compagni si portano a due sole lunghezze dai sardi e tornano a credere concretamente nel primo posto. Ancora più importante il pareggio interno del Pescara contro l’Ascoli, abruzzesi bloccati 2-2 tra le mura amiche e adesso a ben 10 punti di distanza dalla formazione allenata da Juric.

La legge dello Scida si conferma implacabile, il Vicenza l’ultima vittima in ordine temporale dei rossoblù. Primo tempo con poche emozioni, è un lampo di Ricci al 39′ a sbloccare la gara, pregevole la giocata personale dell’esterno scuola Roma. Ripresa avvincente e ricca di occasioni. Al 5′ è debole il sinistro defilato di Budimir, cercato da Ferrari, cambio di campo e Bellomo spreca un rigore in movimento, calciando alto il possibile 1-1. Al 9′ Ricci vicino alla doppietta, sul cross di Palladino il colpo di testa da posizione ravvicinata termina a lato. Altra chance per il raddoppio al 12′, stavolta è Ferrari a provarci con uno ‘scorpione’ alla Ibrahimovic su sponda di Budimir. Crotone che legittima il vantaggio ma non riesce a trovare il raddoppio, la beffa dell’1-1 viene sventata da Ferrari al 16′, provvidenziale l’anticipo su Raicevic. Al 23′ De Giorgio, entrato pochi minuti prima al posto di Palladino, spreca di testa su un bel traversone di Martella dalla sinistra. Marino si gioca tutte le carte a disposizione, entrano Ebagua e Pozzi per un tridente ‘pesante’ che prova a farsi valere sui palloni alti, attenta però la retroguardia pitagorica. Budimir è un totem in fase offensiva: il centravanti rossoblù al 44′ salta Brighenti e calcia alto di sinistro, in pieno recupero chiude i conti superando Vigorito dal dischetto, dopo aver subito fallo da Brighenti. Il Crotone non sbaglia e ottiene tre punti fondamentali in chiave promozione. La distanza dal Pescara è siderale o quasi, servirà gestire il vantaggio adesso per festeggiare un traguardo storico e impensabile.