Home / Sport Strillit / CROTONE CALCIO / Crotone “tifa” Avellino e poi aspetta il Perugia. Si punta sul fattore Scida

Crotone “tifa” Avellino e poi aspetta il Perugia. Si punta sul fattore Scida

Una città intera spera sia ‘indigesto’ il ritorno di Rastelli ad Avellino. Il tecnico del Cagliari, nell’anticipo di questa sera, farà visita alla sua ex squadra con la speranza di riportarsi in vetta per almeno 24 ore. Davanti alla tv, Crotone invece tiferà per gli irpini, in attesa della sfida di domani con il Perugia. Allo Scida si presenterà una squadra in crisi, reduce da tre sconfitte consecutive. Di tutt’altro tenore invece l’umore della formazione di Juric, sulle ali dell’entusiasmo dopo le prime vittorie del 2016.

Il tecnico rossoblù non si fida e ha invitato i suoi a mantenere alta l’attenzione, solo cosi si potrà proseguire l’incredibile striscia di risultati positivi. Budimir e compagni hanno lasciato solo le briciole agli avversari tra le mura amiche, una vittoria sul Perugia (magari combinata allo stop del Cagliari contro l’Avellino) avvicinerebbe ulteriormente il Crotone al sogno serie A. Pochi i dubbi di formazione per Juric: nel solito 3-4-3 del tecnico pitagorico mancherà Capezzi al centro del campo, Barberis-Salzano salvo sorprese sarà il duo che agirà nella zona nevralgica. Out per infortunio l’ultimo arrivato Garcia Tena, in attacco c’è da decidere chi tra Stoian (favorito) e Palladino affiancherà gli intoccabili Ricci e Budimir.

PROBABILE FORMAZIONE (3-4-3): Cordaz; Yao, Claiton, Ferrari; Balasa, Barberis, Salzano, Martella; Ricci, Budimir, Stoian (Palladino). All. Juric

CONVOCATI: Cordaz, Stoian, Claiton, Cremonesi, Yao, Ricci, Balasa, De Giorgio, Torromino, Maniero, Ferrari, Palladino, Nicoletti, Budimir, Barberis, Paro, Salzano, Festa, Martella, Zampano, Fazzi.