Home / Sport Strillit / CROTONE CALCIO / Gualtieri: “Tounkara il nostro Balotelli. Tre ex Crotone ai prossimi mondiali”

Gualtieri: “Tounkara il nostro Balotelli. Tre ex Crotone ai prossimi mondiali”

di Pasquale Romano – L’uomo delle previsioni. Nelle ultime stagioni, il Crotone ha lanciato diversi giovani calciatori, successivamente protagonisti in serie  A. Alessandro Florenzi è forse l’esempio più lampante, il centrocampista della Roma in terra pitagorica ha conosciuto le prime soddisfazioni. Già all’epoca, Salvatore Gualtieri ne aveva assicurato un futuro radioso: “Le qualità erano troppo evidenti. Fa enorme piacere che Florenzi stesso dica quanto è stata importante per lui l’esperienza di Crotone. Ci sentiamo spesso con enorme piacere, è destinato a diventare un punto fermo della Roma”.  L’eurogol realizzato in Champions League contro il Barcellona la magia che lo ha consacrato a livello europeo: “Ero quasi incredulo davanti alla televisione, una volta entrata la palla in rete mi sono arrivati centinaia di messaggi sul cellulare. E’ commovente vedere un ex giocatore del Crotone arrivare a certi livelli”.

 

Secondo il vice-presidente del club pitagorico, Florenzi nel prossimo mondiale sarà ‘accompagnato’ da altri giocatori dal passato in rossoblù: “Faccio fatica a trovare due italiani classe ’94 del valore di Cataldi e Bernardeschi, anche per loro è stato semplice predire una carriera importante. Credo che saranno protagonisti in serie A e prenderanno parte, con la maglia azzurra, ai prossimi mondiali”. Quali i talenti in rampa di lancio, pronti a seguire le orme di Florenzi? Gualtieri non ha dubbi: “Su tutti dico Tounkara, è il nostro Balotelli. Da due anni ‘inseguivo’ Lotito per averlo in prestito, parliamo di un attaccante classe ’96. Credo sinora abbia messo in mostra appena il 10% del proprio potenziale, con il tempo non potrà che crescere enormemente. Scommetto che anche lui avrà un ruolo da protagonista in serie A”.

Dal futuro al presente. Ottimo l’inizio di stagione della formazione rossoblù, capace di ottenere sette punti in tre partite dopo il pesante ko all’esordio sul campo del Cagliari: “La prima giornata è stata complicata, in ogni caso per tutte le squadre sarà difficile ottenere punti in Sardegna. Abbiamo costruito un buon organico, oltre Tounkara ci sono altri giovani talentuosi come Capezzi e Stoian. I risultati si iniziano a vedere, contro il Bari è arrivata una vittoria netta e convincente figlia di una splendida prestazione. Sono certo del fatto che in questo campionato il Crotone sarà un avversario difficile da affrontare per tutte le squadre, l’obiettivo rimane la salvezza ma siamo convinti di poter fare bene”. Juric l’erede di Drago sulla panchina rossoblù, la scelta anche in questo caso sembra indovinata. Gualtieri non ha dubbi, c’è la serie A nel futuro del tecnico pitagorico: “Sentivo parlare di scommessa ad inizio stagione, Juric invece è una certezza assoluta. Non ha avuto molte esperienze da primo allenatore ma per diversi anni è stato secondo di Gasperini, con Genoa, Inter e Palermo. Mi piace il suo modo di vedere il calcio, non ha una uno schema fisso e mette sempre in campo una squadra offensiva. E’ perfezionista, umile, ha tutte le qualità per diventare un grande allenatore”.