Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Calcio giovanile – Cosenza, Sueva: ‘Che emozione il gol con la Nazionale’

Calcio giovanile – Cosenza, Sueva: ‘Che emozione il gol con la Nazionale’

Due gol nelle ultime due apparizioni con la Rappresentativa Nazionale Under 17, cinque gol in tre partite nel campionato ‘Berretti’ – nel quale, peraltro, gioca sotto età: Gianlugi Sueva sta vivendo un momento di forma strepitoso, confermato anche dalla rete realizzata mercoledì in maglia azzurra contro i pari età della Fiorentina:

«Indossare la maglia della Nazionale è sempre un grande onore ed una sensazione meravigliosa, andare in gol con quei colori addosso poi è un qualcosa di indescrivibile: sto vivendo un grande momento, è vero, ma non voglio montarmi la testa».

Sueva, classe ’01, ha appena iniziato la sua quarta stagione in riva al Crati: «Per questo mio continuo miglioramento devo ringraziare gli allenatori che mi hanno formato, Mister Angotti, Mister Occhiuzzi e Mister Scalise: sono stati loro ad avermi insegnato tanto e dato la possibilità di crescere sia a livello tecnico che a livello mentale. Allo stesso modo», continua l’attaccante, «devo ringraziare Mister Patania, Responsabile del Settore Giovanile, che ha creduto e crede tantissimo in me e nei miei compagni».

Non solo Nazionale, però: Gigi, come viene affettuosamente chiamato dai compagni, è il centravanti della Berretti rossoblù e, con una sua tripletta, ha contribuito a regalare alla propria squadra il derby di sabato contro il Rende: «Ma i meriti», sottolinea Sueva, «vanno a tutti, in primis al nostro allenatore Manuel Scalise ed al nostro Prof. Fabio Sidoti, che ci danno ogni volta la possibilità di scendere in campo per dare il 100%, poi a tutta la squadra: i tre gol sono arrivati anche e soprattutto grazie ai miei compagni».

L’attaccante ha già due convocazioni in prima squadra, giunte entrambe la scorsa stagione, una contro il Foggia e l’altra nella sfortunata gara di ritorno col Pordenone: «Spero di poter dare tanto al Cosenza nel corso della mia carriera, ma per ora guardo al presente».

Fonte: ilcosenza.it