Home / Sport Strillit / COSENZA CALCIO / Calcio – Cosenza, se le colpe erano di Fontana, adesso zero alibi per tutti

Calcio – Cosenza, se le colpe erano di Fontana, adesso zero alibi per tutti

Era praticamente inevitabile. E così dopo cinque giornate di campionato finisce l’avventura di Gaetano Fontana sulla panchina del Cosenza. Tante aspettative, quel sogno di poter entrare nella storia della società rossoblu con la disputa di un grande campionato, il desiderio di proporre quel gioco che appena una stagione prima aveva prodotto grandi risultati con la Juve Stabia.

E’ durata davvero poco l’esperienza del tecnico catanzarese sulla panchina del Cosenza, neppure il tempo necessario per capire quanti margini vi erano ancora per rimettere a posto una situazione obiettivamente precipitata dopo il tonfo di Siracusa.

Per una squadra secondo gli intendimenti della società e del DS Trinchera costruita per un campionato di vertice, raccogliere la miseria di due punti in cinque gare è fortemente condizionante, oltre ad una contestazione da parte della tifoseria che durava ormai da diverse settimane.

Mister Fontana avrà avuto certamente le sue responsabilità, per esempio l’ostinazione di voler proseguire con un atteggiamento tattico che non sembrava corrispondere esattamente alle caratteristiche dei giocatori in organico, ma spesso le convinzioni che non sempre sono presunzioni, portano a pensare che l’assimilazione di alcuni concetti, possa arrivare dopo un determinato periodo.

La decisione è stata presa e sinceramente dispiace pure, adesso però per i calciatori tutti, gli alibi sono davvero finiti. Perché, come detto, parte delle colpe di questo disastroso avvio di stagione saranno pure attribuibili al tecnico, ma gli scempi visti in fatto di errori individuali non gli possono appartenere. Si cambia pagina e dovranno farlo tutti in grande fretta e, come detto, senza più alibi.