Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Calcio – Catanzaro, Maglione: ‘Un grazie alla famiglia Noto. Questo è un anno di transizione. Troppi allarmismi’

Calcio – Catanzaro, Maglione: ‘Un grazie alla famiglia Noto. Questo è un anno di transizione. Troppi allarmismi’

A conclusione della campagna trasferimenti e dopo due giornate di campionato, parla il direttore generale l’avvocato Maglione: “Ritengo sia giusto fare a questo punto un resoconto. Non amo apparire, non mi piace, preferisco far parlare il campo. In occasione della presentazione della società, vi dissi che ci aspettava un lavoro notevole, sotto tutti i punti di vista, dovuto al cambio societario. Il Catanzaro ha rischiato di non iscriversi al campionato, fermo restando che in tutti questi anni la famiglia Cosentino ha prodotto il massimo degli sforzi per portare avanti la causa giallorossa, le motivazioni le conoscete bene. Quindi un grande ringraziamento al presidente Noto per essersi assunto questo impegno e quindi dando la possibilità di continuare a vedere calcio a Catanzaro. Il progetto è proiettato negli anni, non si poteva partire con i giochi d’artificio e quindi ogni tipo di operazione doveva corrispondere a determinate esigenze, dico questo perché ho la sensazione che tutte le difficoltà siano state dimenticate in fretta. Ritengo di dover ringraziare anche il DS Doronzo per l’equilibrio con il quale ha condotto tutte le operazioni di mercato tra quelle in entrata, ben diciotto, sette conferme e sette in uscita, ritengo non sia un’opera da poco, compreso il contratto con il vecchio direttore sportivo. Nel progetto Noto questo sarà un anno di transizione, nel futuro si fisseranno anche degli obiettivi. Per quello che riguarda lo specifico della parte tecnica, vi dico che Icardi è a tutti gli effetti un calciatore del Catanzaro, tantomeno sono arrivate offerte adeguate per la sua cessione, in futuro si vedrà. Sugli adempimenti ritengo che ipoteticamente tre dovrebbero essere i punti di penalizzazione, ma abbiamo uno studio legale di altissimo livello e faremo valere le nostre ragione nelle sedi opportune. Letizia è stato il primo obiettivo, voluto dal sottoscritto, è durata tantissimo la trattativa, dal due luglio fino alle 22.56 dell’ultimo giorno di calciomercato. Da questo momento in poi si entra in un budget previsionale dove ci dovrebbero essere altre entrate. Adesso il campionato, fermo restando il vostro diritto di critica, a mio avviso siamo in pieno equilibrio, una partita vinta ed una persa, ho sentito troppi allarmismi, soprattutto verso alcuni calciatori che sento adesso di tutelare, non è giusto creare troppe aspettative, troppe pressioni, il prossimo anno sarà un’altra storia, il progetto sarà molto più ambizioso”.