Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Vibonese, Battaglia: ‘Noi favoriti? Non conta il campionato. Fastidioso si perda una calabrese’

Vibonese, Battaglia: ‘Noi favoriti? Non conta il campionato. Fastidioso si perda una calabrese’

Impossibile fare pronostici per uno spareggio, la difficoltà di prevedere quello che potrà succedere aumenta quando a contendersi la permanenza nel campionato di Lega Pro sono due compagini che daranno vita ad un doppio derby che si preannuncia parecchio infuocato. Il dato certo è che solo una delle due potrà festeggiare, la conseguenza è che la serie C perderà sicuramente una compagine calabrese che sprofonderà tra i dilettanti. Crudele destino di una classifica che poteva variare in occasione dell’ultima giornata e che invece per la mancate vittoria della Vibonese, vedrà adesso le due squadre l’una di fronte all’altra. Ne abbiamo parlato con il DS della società rossoblu Marcello Battaglia: ‘Non è il massimo di quello che si voleva, purtroppo una delle due calabresi dovrà salutare la Lega Pro, una cosa molto fastidiosa per la nostra Regione. Ci sarà chi festeggerà per la salvezza e chi piangerà per una amara retrocessione. Quando ci siamo riuniti prima del mercato di gennaio, avevamo l’obiettivo primario intanto di non retrocedere, poi cercare la migliore posizione nei play out, poi ancora eventualmente la salvezza diretta. Ne abbiamo raggiunti due partendo allora da ultimi in classifica, adesso cerchiamo la salvezza attraverso questo spareggio. Se mi si chiede potevate fare di più, dico che sempre si può fare meglio. Guardiamo avanti con serenità e la consapevolezza che affronteremo una squadra importante come il Catanzaro, squadra con tante individualità, ma ce la giocheremo. L’unico vantaggio che abbiamo è dettato dalla migliore posizione in classifica al termine della stagione regolare. Detto questo, nel play out tutto si annulla rispetto a quanto successo in campionato, il fatto che ci diano per favoriti ci fa piacere, ma non ci illude, anzi, sarà tenere sempre massima la concentrazione, giocare con tanto cuore e sacrificio, pensando che la gara di andata potrebbe essere determinante”.