Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Messina-Catanzaro, una sfida tutta giallorossa che può dire tanto

Messina-Catanzaro, una sfida tutta giallorossa che può dire tanto

Sabato allo stadio San Filippo va in scena una sfida che potrebbe proporre svariati spunti di riflessione su quella che sarà la lotta salvezza da qui al termine della regular season.

Il match (anticipato alle ore 14.30) pone di fronte due squadre che sono uscite dal mercato di gennaio con stati d’animo differenti.

Da un lato i giallorossi calabresi che si sono rafforzati pesantemente con gli innesti, tra gli altri, di elementi di assoluta affidabilità per la categoria come l’esterno Zanini e l’attaccante Gomez, arrivati in Calabria grazie alla capacità della società del presidente Cosentino di superare una foltissima concorrenza.

Dall’altro i giallorossi siciliani che si sono lasciati alle spalle un mese caratterizzato dall’incertezza societaria (il passaggio di consegne tra Stracuzzi e la cordata della Locride non è ancora realtà) e hanno dovuto cedere al Catania il loro uomo migliore (Pozzebon, rimpiazzato con Anastasi), trattendo alcuni calciatori che avrebbero voluto cambiare aria (Musacci) per volontà dei vertici soceitari.

Determinante, in tal senso, è il ruolo di Cristiano Lucarlelli che ha detto di essere un capitano che non vuole abbandonare la nave e, anzi, sta provando a compattare l’ambiente per riuscire a raggiungere l’obiettivo della salvezza tra difficoltà piuttosto evidenti.

L’esito del confronto dirà molto anche su quanto il tecnico livornese stia riuscendo nell’intento e anche su quanto il Catanzaro abbia realmente un organico superiore a quello delle altre concorrenti nella lotta per evitare la Serie D.

Si potranno, dunque, trarre indicazioni anche su quello che sarà il futuro dell’intera lotta per non retrocedere che coinvolge le altre calabresi: Reggina e Vibonese.