Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Maita. “Abbiamo dominato la Reggina. Resto qui, voglio salvare il Catanzaro”

Maita. “Abbiamo dominato la Reggina. Resto qui, voglio salvare il Catanzaro”

Difficile da accettare, difficile da digerire. Non si dà pace neppure il centrocampista Maita, riguardo l’incredibile pareggio del Catanzaro in casa contro la Reggina. Mostra grande carattere e voglia di reagire immediatamente ad un risultato a suo avviso assolutamente immeritato: “Ci tenevo tanto, fa male pareggiare al novantaduesimo dopo aver dominato tutta la gara. La vittoria ci avrebbe consentito di abbandonare l’ultima posizione che con noi non c’entra nulla, bisogna subito reagire. Abbiamo dimostrato di poter fare un buon calcio, sia con Foggia che Juve Stabia, ma anche a Catania, credo che questo gruppo possa competere con quelle che stazionano nella parte media della graduatoria, ma evidentemente qualcosa manca. Contro la Reggina nessuno si è tirato indietro, da fuori si è visto che abbiamo dominato, certo la vittoria ci avrebbe fatto svoltare, per questo fa veramente male. La difesa ci ha dato ampie garanzie, mai pensavo di poter subire gol con quel tipo di prestazione da parte di tutto il reparto arretrato. L’errore ci sta, lo fanno anche i grandi portieri e va oltre ogni schema o attenzione. Dopo un lungo infortunio, la voglia di tornare a giocare e l’immediata reazione di fanno correre di più, adesso sarà più dura perché la condizione mia non è ottimale. Mi fanno piacere i complimenti, vi dico che preferirei giocare male e vincere. Il fatto di aver arretrato il baricentro contro la Reggina è stata la conseguenza di una voglia forte che tutti avevamo di vincere una partita importantissima, lo scorso anno in qualche circostanza ci è andata bene, questa volta no. Se domenica come doveva essere, avessimo vinto, oggi avremmo fatto altri commenti. Voglio salvare il Catanzaro, da qui non mi muovo, prima lo salvo e poi viene tutto il resto. Non sono mai retrocesso in carriera, soprattutto una piazza come Catanzaro non merita tutto questo”.