Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Catanzaro, Zavettieri: “Società, squadra tifosi, ritroviamoci, è troppo importante”

Catanzaro, Zavettieri: “Società, squadra tifosi, ritroviamoci, è troppo importante”

Ha deciso di incontrare la stampa a distanza di quattro giorni dalla sua prima sconfitta sulla panchina del Catanzaro. Più che una conferenza tra il tecnico ed i giornalisti, Zavettieri ha rivolto un accorato appello invitando tutti a ricompattarsi, ritrovarsi, tornare a tifare per il Catanzaro e provare tutti insieme ad uscire da questo difficile momento: “Sono venuto in conferenza dopo tre giorni di lunga riflessione e per il grande rispetto che provo per la città, i tifosi, la società. Per me Catanzaro rappresenta una grande sfida professionale. Ho le idee chiare. Qui c’è grande amore verso questi colori da parte di tutti i tifosi e non solo quelli che vivono in città. L’altra cosa che ho notato è la grande passione che ha questa società verso la squadra. Se sono qui è perchè il presidente mi ha trasmesso una straordinaria passione. L’amore dei tifosi e la determinazione della proprietà devono andare di pari passo, per forza. In questo momento complicato e per questo motivo ho scelto di parlare, le aquile giallorosse dovranno essere sopra ogni cosa, siamo al punto zero, non è il momento di cercare i colpevoli ma trovare le soluzioni ed io mi impegno in questo in prima persona. Per esperienze vissute in passato, la simbiosi tra società, squadra e tifosi ha portato a grandi risultati. L’US Catanzaro rimarrà sempre, tutti noi passiamo. Uniamoci, ritroviamoci, tutti insieme. Guardiamo avanti, è necessario ritrovare passione ed amore, coinvolgimento, stringiamoci tutti. Fino al 29 dicembre poi tireremo le prime somme, nessun alibi, insieme in questo percorso per il raggiungimento degli obiettivi. Ai tifosi chiedo di stare vicino ai ragazzi, senza di loro il calcio non esiste, la squadra cambia quando sente il loro sostegno, abbiamo bisogno del loro incitamento. Tutti impegnati ad uscire da questa situazione, non mi interessa quello che è stato, mi interessa quello che sarà. Il presidente è molto motivato, è presente quotidianamente, ci tiene tantissimo alle sorti del Catanzaro. Ho deciso di fare questo passo, ci metto la faccia, adesso i calciatori dovranno fare il resto in campo. Non posso garantire che le cose andranno meglio, ma ritroviamoci, servirà ad aiutare la squadra, una cosa unica tra società, squadra e tifosi”.