Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Catanzaro, Somma: “Mentalità incentrata sul lavoro e non sugli alibi”

Catanzaro, Somma: “Mentalità incentrata sul lavoro e non sugli alibi”

Sembra aver finalmente imboccato la strada giusta il Catanzaro. Vittoria netta sul Taranto, anche se, rispetto al recente passato, la prestazione non è stata ad alti livelli. Rimane comunque il successo prezioso che allontana le paure ed avvicina i giallorossi alla parte più tranquilla della classifica, così ha parlato Somma a fine gara: “Negli episodi questa volta siamo stati fortunati e questo incide sul risultato. Sul piano della prestazione non abbiamo fatto grande palleggio, ma sicuramente sulle verticalizzazioni, anche perchè loro pressavano molto soprattutto dopo il doppio svantaggio iniziale. Questo ci ha permesso di innescare quei due davanti che sono devastanti con spazi a disposizione. Risultato pesante che arriva dopo un periodo non facile, i ragazzi hanno prodotto tante energie frutto di applicazione ed impegno. Lavoriamo con entusiasmo e questo mi fa moltissimo piacere. Ho fatto loro i complimenti, perchè a prescindere dalla qualità, ai miei ragazzi inculco la mentalità del lavoro e non dell’alibi e loro in questo senso sono stati splendidi. Giovinco e Cunzi per noi sono preziosissimi, ho consigliato ad uno di loro di non ascoltare qualche fischio che arriva dagli spalti, ma di giocare come stava facendo che i risultati sarebbero arrivati e così è stato. Ci sono giocatori che fanno lavoro prezioso ed oscuro che altri non vedono ma per la squadra è di grandissima importanza. Uno di questi è Baccolo, troppo prezioso per noi. Non pensavo di trovare la via del gol nel giro di pochi minuti contro una squadra come il Taranto molto organizzata. Non me lo aspettavo, ripeto, ma i calci piazzati stanno diventando fondamentali nel calcio di oggi, bravi a sfruttare le due opportunità. Carcione oggi era in grande difficoltà sul piano del dinamismo, potevo cambiare, però avevo bisogno della sua esperienza. In effetti era da sostituire, ma insieme a Baccolo e Roselli mi completava il reparto per quello che serviva. Oggi le prestazioni mi portano a continuare su questa strada e non vi è alcun motivo per cambiare”.