Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Dito medio di Gessica Cosentino ai tifosi, ecco il comunicato del Catanzaro

Dito medio di Gessica Cosentino ai tifosi, ecco il comunicato del Catanzaro

In relazione all’episodio avvenuto ieri al termine della partita Catanzaro-Messina, oggetto delle più disparate strumentalizzazioni,  è opportuno chiarire che la vice presidente Gessica Cosentino ha reagito con un gesto di stizza certamente inusuale, ma comprensibile date le circostanze in cui è maturato, nei confronti di pochi e ben individuati personaggi presenti allo stadio, che la hanno aggredita verbalmente, investendola rabbiosamente con frasi irripetibili di chiara natura sessista, rivolte a lei stessa e alle sue familiari.

Una precisazione che, lungi dal voler rappresentare una giustificazione per l’accaduto, serve a chiarire che il gesto non era certo rivolto alla tifoseria, della quale fin dal primo momento si è accettata serenamente e rispettosamente la lunga e certo spiacevole contestazione, nella certezza che saranno solo i risultati ottenuti sul campo a dare ragione o meno al svolto dalla società. La tifoseria tutta dovrebbe piuttosto dissociarsi dal comportamento reiterato di alcuni sedicenti tifosi, che nulla ha a che vedere con il calcio o con la contestazione alla guida societaria, ma rappresenta soltanto lo sfogo di infimi istinti animaleschi, ancor più grave perché rivolto a delle donne, e che in nessun modo più essere giustificato o compreso. Comportamenti esasperanti che si ripetono sia durante gli allenamenti che a margine delle partite di campionato, di cui tanti tifosi sono testimoni, e verso i quali è umanamente comprensibile che prima o poi ci possa essere una qualche reazione. Certo è che se gli insulti sono destinati a ferire e a logorare psicologicamente la proprietà, infierendo in particolare sulla componente femminile probabilmente considerata più debole sul piano caratteriale, con l’obiettivo di provocare un qualche cedimento nella volontà di proseguire l’impegno calcistico a Catanzaro, gli autori ne saranno delusi, poiché al contrario non fanno che rafforzare la determinazione della società tutta a lavorare senza esitazioni fino al raggiungimento degli obiettivi prefissati.