Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Catanzaro, momento delicato, ore decisive. Cosentino preferisce il silenzio.. al momento

Catanzaro, momento delicato, ore decisive. Cosentino preferisce il silenzio.. al momento

Momenti di tensione ed ore decisive in casa Catanzaro. Via Erra qualche settimana addietro, fiducia totale in Giulio Spader, almeno queste erano le prime dichiarazioni del DS Preiti. Poi la batosta clamorosa in casa con il Cosenza, le forti contestazioni, la decisione di annullare la conferenza stampa di presentazione del tecnico in quanto sollevato dall’incarico. Verrebbe da dire tutto incredibile ed invece no, di fatto è la routine che ha accompagnato il Catanzaro negli ultimi anni. L’arrivo del nuovo direttore sportivo con incarichi generali ed interventi anche sulla riorganizzazione societaria, sembrava aver messo le cose a posto ed anche la tifoseria era tornata a partecipare con un certo entusiasmo. Poi la catastrofe, sportivamente parlando, l’improvviso allontanamento di Erra ed una sconfitta alla prima uscita stagionale che i tifosi giallorossi ricorderanno per lungo tempo. In una sola giornata è arrivato di tutto in fatto di polemiche e contestazioni, il presidente Cosentino si è trovato il mondo contro e da più parti l’invito ad abbandonare la società e quindi la presidenza. Rispetto al passato non ci sono state reazioni ma il silenzio, della sua forte personalità e di quel carisma che avevano fatto innamorare la piazza catanzarese al momento non ci sono tracce. Negli ultimi anni più volte il massimo dirigente ha manifestato il desiderio di mollare per una serie di circostanze più volte raccontate. Un tira e molla che è andato avanti tra annunci e ripensamenti, interessamenti di possibili acquirenti che lui stesso ha dichiarato inesistenti. Oggi la situazione è tornata ad essere difficile, complicata, dal punto di vista tecnico ed ambientale. Il Ceravolo, dopo lo 0-3 con il Cosenza si è espresso in maniera chiara e senza possibilità di equivoci. Vedremo se in queste ore ci sarà un suo intervento.