Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Catanzaro, la sconfitta con il Roccella un campanello d’allarme. Servono rinforzi
Catanzaro Calcio ritiro

Catanzaro, la sconfitta con il Roccella un campanello d’allarme. Servono rinforzi

Non solo amichevoli. Ieri il Catanzaro di Spader è caduto nel test con il Roccella, formazione di categoria inferiore. Un campanello d’allarme evidente per i giallorossi, ad una settimana di distanza dal derby con il Cosenza. Il tecnico Spader ieri ha cambiato modulo rispetto alla partita con la Francavilla schierando i suoi con un 4-3-1-2. Grandi in porta; Pasqualoni e Sabato terzini, Joao Francisco e Di Bari in difesa; l’ex Reggina Roselli, Carcione e Icardi a centrocampo; Cunzi dietro alle punte Sarao e Tavares.

Meglio nel primo tempo la formazione giallorossa, nonostante le diverse occasioni non capitalizzate. Nella ripresa invece la manovra è apparsa meno fluida, complici anche i diversi cambi. A decidere l’amichevole il rigore realizzato da Santaguida all’ottavo del primo tempo.

CATANZARO-ROCCELLA 0-1

MARCATORI: 8′ st Santaguida (su rig.)

CATANZARO (4-3-1-2): Grandi (dal 1′ st Leone); Pasqualoni (1′ st Esposito), Di Bari, Joao Francisco (dal 1′ st Prestia), Sabato; Roselli, Carcione (dal 5′ pt Bensaja; dal 12′ st Talotta), Icardi; Cunzi (dal 1′ st Campagna); Tavares (dal 1′ st Basrak), Sarao. A disp.: Leone, Maccagnone, Critelli, Moccia, De Lucia. All.: Spader.

ROCCELLA (4-4-2): Mittica (dal 37′ st Stillitano); Cordova, Coluccio (dal 37′ st Futia), Sorrentino, Mancino (dal 20′ st Panaja); Santaguida (dal 19′ st Guido), Minici (dal 32′ st Manglaviti), Laaribi (dal 22′ st Rousseau), Crispo (dal 22′ st Crispo); Bulevardi (dal 34′ Lombardo), Buongiorno (dal 22′ st Filippone). All.: Galati.

ARBITRO: Amoroso di Paola.