Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Catanzaro, la società promuove Moro, la squadra deve fare i punti salvezza
D'Urso Catanzaro

Catanzaro, la società promuove Moro, la squadra deve fare i punti salvezza

Carmelo Moro, da responsabile del settore giovanile a quello dell’intera area tecnica della squadra giallorossa. Le motivazioni sono state esposte dalla società attraverso un comunicato ufficiale “L’obiettivo è quello di dare un’ulteriore figura di riferimento in questo momento particolarmente delicato, alla squadra e allo staff tecnico che possono contare ora sulla competenza e sulle qualità umane, appunto, di Carmelo Moro”. Che sono indiscutibili e trovano tutti d’accordo, ma che comunque portano a qualche riflessione, riguardo la presenza tra i quadri dirigenziali anche di un direttore generale come Donnarumma. La promozione di Moro e le recenti dichiarazioni della vicepresidente Gessica Cosentino, tracciano un quadro abbastanza chiaro sulla fiducia ormai ai minimi termini nei confronti di chi ad inizio stagione, era stato presentato come il personaggio al quale affidare ogni responsabilità dell’intero comparto tecnico. Situazioni che andranno ovviamente risolte al termine di questa stagione, anche se le scelte sono state già fatte e con la speranza di ritrovare il Catanzaro ancora tra i professionisti. Moro è da sempre uomo di fiducia della proprietà, il suo contributo è stato prezioso anche in passato, oltre che per competenza, per l’equilibrio che lo ha sempre contraddistinto, anche nei momenti di maggiore difficoltà. La parte predominante, però, spetta ai calciatori, coloro che scenderanno in campo e che in questa parte finale di stagione, dovranno conquistare i punti necessari per evitare situazioni spiacevoli. Non si vince da dieci giornate e per fortuna chi sta dietro riesce a far peggio. Non sarà sempre così, l’inversione di tendenza è necessaria e dovrà avvenire in tempi brevi. Giocare contro la seconda in classifica non dovrà essere un problema in questo senso, ma uno stimolo maggiore per tirare fuori prestazione, orgoglio, combattività e soprattutto punti.