Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Cosenza-Catanzaro, il doppio ex Di Marzio: “Sfida del cuore, meritano la B”

Cosenza-Catanzaro, il doppio ex Di Marzio: “Sfida del cuore, meritano la B”

Difficile trovare, nel prossimo derby tra Cosenza e Catanzaro, un doppio ex del calibro di Gianni Di Marzio. Allenatore della storica promozione dei giallorossi in serie A, Di Marzio è stato poi tecnico (e dirigente) anche del Cosenza. Il derby calabrese è uno dei tanti giocati in carriera, “Palermo-Catania, Genoa-Samp, Lecce-Bari, quante battaglie in campo sempre con l’adrenalina al massimo” ricorda Di Marzio al ‘Corriere dello Sport’. Domenica al ‘Marulla-San Vito’ una sfida che si preannuncia infuocata, Di Marzio non si sbilancia su chi sarà il vincitore: “E’ un derby che riguarda l’intera Calabria, esiste una rivalità storica tra i due club. Con loro in Lega Pro e la Reggina sparita, adesso è il Crotone a farla da padrone grazie ad una attenta programmazione e un d.s. valido come Ursino. Domenica la spunterà chi avrà più sangue freddo”.

Roselli il tecnico di un Cosenza che può credere nella promozione, Di Marzio lo elogia e trova analogie: “Mi somiglia molto, ha sempre il sorriso tra le labbra. Ha vinto a Cremona, già lo scorso anno ha fatto bene a Cosenza, lo stimo per quello che facendo. Faccio i complimenti anche al d.s. Meluso, i rossoblù sono a soli 3 punti dalla vetta e possono tornare in B, categoria che per la piazza merita anche Catanzaro”. Giallorossi in difficoltà ma, secondo Di Marzio, centreranno la salvezza: “Devono rialzare la testa, è un anno di transizione. Erra è un tecnico capace e di prospettiva, guiderà il Catanzaro alla permanenza in Lega Pro”. Domenica sarà spettacolo al ‘Marulla San Vito’, la speranza è che simili scenari possano ripetersi e non essere eventi unici: “C’è bisogno di entusiasmo e far scoccare la scintilla giusta. Domenica lo stadio sarà pieno e poi? Conosco bene i tifosi rossoblù, so come la pensano, bisogna moltiplicare gli sforzi ed essere più temerari. La gente ha bisogno di divertirsi, di un sano sfottò. W la Calabria” chiosa Di Marzio.