Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Dirty Soccer, l’avv. Rondinelli: “Nessun rischio retrocessione per il Catanzaro”
Sabrina-Rondinelli

Dirty Soccer, l’avv. Rondinelli: “Nessun rischio retrocessione per il Catanzaro”

“Apprendo in questi minuti un grave allarmismo a Catanzaro e non solo per un articolo apparso oggi da un Quotidiano Nazionale , seppur vero che ieri è stato notificato l’Avviso delle Conclusioni indagini, come riportato , non è vero però l’iter costruito nell’articolo,è vero che la Procura contesta al Catanzaro la responsabilità non solo oggettiva (per i fatti contestati all’ex DS Ortoli e a Domenico Giampà) anche quella diretta , ma è una responsabilità diretta correlata alla violazione dell’omessa denuncia e non responsabilità diretta per illecito sportivo, la sanzione più grave nelle peggiori delle ipotesi è un ammenda di 30 mila euro e l’inibizione del Presidente. Semmai quello che è più preoccupante è la contestazione della responsabilità oggettiva per i fatti contestati indirettamente al Catanzaro, dove si rischiano penalizzazioni in classifica, solo per il fatto che i due tesserati potrebbero essere sanzionati. E ‘ evidente, che spero che i colleghi , che sono degli ottimi Avvocati Penalisti, che assistono i due tesserati possano dimostrare l’estraneità dei fatti dei loro assistiti , in modo da evitare questo tipo di responsabilità della nostra Società con penalizzazioni in classifica. La Società del Catanzaro e il Presidente Cosentino, che al momento sono estranei dall’inchiesta Penale condotta dalla DDA di Catanzaro, come ribadito in sede alla Procura Federale si è sempre dimostrata rispettosa delle regole dell’Ordinamento Federale, ricordo a quelli che in queste ore lo stanno dimenticando volutamente o non che la Società del Catanzaro fin dall’inizio della Presidenza Cosentino, ha avuto sempre un ampia collaborazione con gli uffici di Procura e quelli Federali, come può essere dimostrato dal Processo Penale di Contrattopoli , dove per la prima volta una società ha denunciato degli illeciti compiuti e il Catanzaro si trova parte offesa. Da ieri io e i miei collaboratori siamo già al lavoro per difendere non solo la Società del Catanzaro e il Presidente che indirettamente viene chiamato in causa , ma anche la sua Gloriosa Storia che in questo momento è stata gravemente colpita”.