Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Catanzaro-Kamara, volano gli stracci: “Preso in giro”. La replica: “Farnetica”

Catanzaro-Kamara, volano gli stracci: “Preso in giro”. La replica: “Farnetica”

Termina nel peggiore dei modi l´avventura di Kamara al Catanzaro. L´ex attaccante giallorossi, ai microfoni di WebOggi, si é cosi sfogato: “Cosentino non mi vuole, non mi ha mai voluto e non mi ha mai stimato. Non mi ama affatto, ha solo sfruttato il mio nome nella speranza che vendesse più abbonamenti allo stadio. E’ questa la verità e voglio raccontarla a tutti.  A novembre Cosentino mi chiese di abbassarmi lo stipendio, perchè altrimenti, diceva, falliva la società. Ed io, che già avevo accettato un contratto inferiore alle mie opportunità e alle tante altre offerte ricevute da campionati più importanti, ho accettato, solo per amore della città e dei tifosi. A gennaio mi è stato chiesto di abbassare ancora il contratto e di non giocare. Nel frattempo mi è stato proposto un precontratto nel quale si specificava una doppia possibilità per me ad inizio della stagione successiva, vale a dire, o giocare oppure fare il dirigente. Ed io con un contratto in mano che potevo depositare entro luglio, facendo valere le ragioni legali dell’accordo, io che potevo mettere con le spalle al muro Cosentino, ho firmato la rinuncia al contratto, perchè non voglio più avere a che fare con una persona che mi ha preso in giro. Cosentino non può comprare la mia dignità. Tornerò a Catanzaro quando Cosentino andrà via ed un catanzarese lancerà un progetto reale e concreto, perchè quello di Cosentino non è un progetto”.

Parole pesanti come un macigno, alle quali la societá calabresi ha ritenuto opportuno rispondere ufficialmente con il seguente comunicato:

Il Catanzaro Calcio ritiene le ultime farneticanti dichiarazioni dell’ex tesserato Kamara prive di fondamento, ma soprattutto lesive dell’immagine della società e del suo presidente.

L’ufficio legale ha già avuto mandato di valutare l’avvio delle opportune azioni nelle sedi competenti a tutela di un’immagine costruita in cinque anni di impegno, serietà e correttezza sportiva e gestionale, che nessuno può tentare di scalfire in alcun modo, tantomeno dispensando lezioni o seminando illazioni. I tifosi giallorossi conoscono le cose fatte in questi anni, che fanno storia e non hanno bisogno di ulteriori precisazioni. Conoscendo la storia, e conoscendo le persone, i tifosi sapranno trarre per proprio conto le opportune considerazioni. La società non intende lasciarsi coinvolgere in polemiche di infimo livello, degne di tornei di quartiere più che di grandi palcoscenici calcistici, e prosegue serenamente nella costruzione di un progetto sportivo ambizioso attraverso la serietà, la determinazione, la passione, il coraggio imprenditoriale e tanto impegno anche di fronte alle difficoltà. Sono questi valori che rappresentano una realtà da massima serie, a tutte le latitudini.

Tanto premesso, si rende noto che da questo momento nessun tesserato rilascerà dichiarazioni in merito a questa vicenda, che vede la società parte lesa sia dal punto di vista tecnico che da quello economico.