Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Barletta-Catanzaro, quando la combine è quasi tutta “made in Calabria”
Mimmo Giampà
Mimmo Giampà

Barletta-Catanzaro, quando la combine è quasi tutta “made in Calabria”

Luigi Condò, classe 1978 e nato a Taurianova, è il direttore sportivo del Barletta. Fabrizio Maglia è nato a Lamezia nel 1967 ed è il direttore sportivo della Vigor. Mimmo Giampà è nato a Girifalco ed è un calciatore del Catanzaro. Cosa hanno in comune? Oltre alla passione sportiva per il calcio tutti sono stati coinvolti nell’ultima inchiesta della Dda di Catanzaro che ha sollevato un polverone sulla Lega Pro e la D.

Condò e Maglia nelle intercettazioni si parlano da amici o comunque da conoscenti di vecchia data, un po’ come Maglia e Giampà, visto il passato del giocatore nella Vigor Lamezia.

Proprio Maglia è l’annello di congiunzione tra il Barletta (Condò) ed il Catanzaro (Giampà), a poche ore dalla sfida tra le due squadre.

I tre si incontrano nel cuore della Calabria e si parlano, probabilmente per una combine.

Sospetto acuito da ciò che avveniva su un altro asse: quello costituito da Di Nicola (ds de L’Aquila) e Armando Ortoli (ds del Catanzaro).

In particolare il dirigente abruzzese chiede a Ortoli di fare “come l’anno scorso” (13 aprile 2014). In quel caso il Catanzaro vinse 3-0 e questa presunta prospettiva di ripetere l’illecito sembra far contento inizialmente Ortoli, che poi però si accorge che la proposta stavolta sarebbe favorevole ai pugliesi.

Il rifiuto di Ortoli ha comunque fatto intendere agli inquirenti come i due fossero soliti – secondo le ricostruzioni – combinare partite di calcio.

Ma a far saltare tutto sarebbero stati i “disastri” compiuti da Giampà, reo di aver veicolato la richiesta al presidente Cosentino, andato su tutte le furie.

L’incontro è comunque finito (1-1) con un autogol incredibile <- clicca per vedere il video