Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Catanzaro, arriva la Paganese. Tranquillità societaria nota positiva di fine stagione
Catanzaro Calcio curva Massimo Capraro

Catanzaro, arriva la Paganese. Tranquillità societaria nota positiva di fine stagione

Tutto pronto per la trentaseiesima giornata del campionato di Lega Pro. Campionato che ha dato già qualche verdetto ufficiale come la retrocessione in serie D della Reggina, come la certezza di disputare i play-off del Benevento e la quasi certezza della promozione per la Salernitana. Per Catanzaro e Paganese, invece, c’è la certezza di un pomeriggio fiacco. Le due squadre sono “arrivate” e non hanno obiettivi. Il Catanzaro staziona ormai da tante giornate a metà classifica. I campani, che in realtà non sono ancora matematicamente salvi, non corrono grossi rischi. Compresa la sfida del “Ceravolo” ci sono ancora in palio 9 punti e la Paganese ne conserva 5 di vantaggio sulla quintultima, il Messina. I peloritani credono ancora nella rimonta ma il destino delle ultime cinque sembra ormai segnato. Le motivazioni, dunque, è davvero difficile trovarle. In casa Catanzaro, poi, cade un’altra tegola. Michele Rigione, calciatore sui cui si doveva ricostruire la squadra per l’anno prossimo, ha rescisso il contratto che lo legava alla società di Cosentino. Pare abbia avuto un forte scontro con un membro dello staff tecnico, nell’intervallo di Casertana – Catanzaro e che, quindi, abbia deciso di prendere una strada diversa rispetto a quella delle aquile. Nessuno avrebbe immaginato un finale di stagione così mediocre ma probabilmente, i tifosi del Catanzaro si sentono dei privilegiati rispetto a chi vede fallire la propria o a chi riceve ogni giorno punti di penalizzazione. E per questo, nonostante tutto, bisogna ringraziare Cosentino.