Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Moro (resp. settore giovanile Catanzaro): “I nostri ragazzi tra Nazionale e serie A”

Moro (resp. settore giovanile Catanzaro): “I nostri ragazzi tra Nazionale e serie A”

di Pasquale Romano – Scalata rapida. Il settore giovanile del Catanzaro ha fatto passi da gigante negli ultimi anni. Ricostruito dalle fondamenta, ha giá ottenuto risultati importanti e riconoscimenti concreti. Preziosissimo il lavoro svolto da Carmelo Moro, reggino ed ex giocatore cresciuto nel settore giovanile amaranto. L´attuale responsabile del settore giovanile del Catanzaro ha iniziato nella scuola calcio ´Francesco Cozza´: “Eravamo compagni di squadra ai tempi della Reggina, circa dieci anni fa mi ha chiamato per lavorare nella sua scuola calcio. Ho iniziato dai piú piccoli, arrivando agli Allievi. Quando Cozza ha ottenuto la promozione in C1 con il Catanzaro mi ha chiamato per programmare il settore giovanile dei giallorossi”. L´esperienza al Catanzaro é proseguita anche dopo la partenza di Cozza, adesso Moro ha la gestione dell´intero settore giovanile: “Appena arrivato ho pensato ´Da dove inizio?´. Siamo partiti dal nulla, iniziando a costruire da zero. Il lavoro é stato importante e faticoso, era fondamentale strutturare la basi e i risultati fortunatamente ci stanno dando ragione”.

Soddisfazioni giá al primo anno, nel 2012 il Catanzaro vede due squadre giovanili approdare alle finali nazionali. Risultati immediati e sorprendenti, per Moro anche il personale riconoscimento assegnato dalla Figc per il lavoro svolto in questi anni: “Mi ha fatto enorme piacere ricevere il premio dal coordinatore Viscidi. Punti cardine del progetto? Insegniamo una filosofia precisa, simile per tutte le giovanili. Il metodo comune permette di facilitare la crescita dei ragazzi”. Tanti i giovani giallorossi chiamati nelle selezioni dell´Italia under 15, 16 e 17. La punta di diamante é Raffaele Celia, esterno difensivo classe ´99 passato nei mesi scorsi al Sassuolo: “É stato l´unico giocatore di un club di Lega Pro chiamato nell´under 16, adesso milita meritatamente in una societá di serie A. E´ un ragazzo dal futuro promettente, speriamo di poterne lanciare tanti altri in questi anni”.

La meglio gioventú. Matteo Nesticó, Tommaso Rocca, Giuseppe Tedesco (cercato da club di serie A) e Cosimo Pagano i migliori prospetti classe ´98 in rampa di lancio. Per loro giá diverse convocazioni con le selezioni dell´Italia o di Lega Pro: “Questi ragazzi sono il nostro orgoglio -dichiara Moro a Sport Strill- vederli crescere é la nostra piú grande soddisfazione. Il lavoro svolto negli ultimi anni é stato importante ma si puó sempre migliorare, abbiamo idee precise per il futuro”. In un calcio povero dal punto di vista economico bisogna aguzzare l´ingegno e puntare con decisione ai migliori talenti del settore giovanile: “Non esiste alternativa. Tante societá dicono di puntare sulle giovanili, poche lo fanno con la giusta convinzione. Qui a Catanzaro invece é cosi, nonostante non abbiamo la possibilitá di contare su strutture di nostra proprietá”.

I risultati ottenuti da Moro hanno richiamato l´attenzione di diverse societá e quella del presidente Cosentino, che medita di promuoverlo in prima squadra. Il diretto interessato é pronto al grande salto ma anche a proseguire sulla traccia solcata in questi anni: “Il presidente é una persona seria e passionale, tutto questo é stato possibile grazie al suo impegno economico. Adesso é un pó amareggiato per i risultati ottenuti dalla prima squadra, non pari alle speranze iniziali. Presto ci metteremo al lavoro per progettare il futuro, non credo alla sua presunta voglia di mollare. I prossimi obiettivi? Potenziare ulteriormente il settore giovanile, vogliamo curarlo ancora meglio, analizzando i dettagli”.