Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Barletta-Catanzaro, la tranquillità potrebbe assicurare divertimento
Catanzaro Calcio curva Massimo Capraro

Barletta-Catanzaro, la tranquillità potrebbe assicurare divertimento

Il campionato volge quasi al termine, in queste ultime sei giornate c’è da aspettarsi di tutto. Il Catanzaro e qualche altra squadra non hanno più obiettivi ma la maggior parte delle compagini lottano, chi per la promozione, chi per la salvezza. La 33esima giornata prevede la trasferta a Barletta. Le due squadre sono ormai salve (almeno sul campo, poichè sul Barletta pende la spada del deferimento) e non nutrono particolari ambizioni di classifica. La sfida non offre, di per sè, molti spunti interessanti ma al “Puttilli” di Barletta potrebbero rivedersi i tifosi giallorossi. Gli “Ultras Catanzaro” non partiranno per la trasferta, in coerenza con le scelte delle ultime settimane, ma un buon numero di sostenitori calabresi raggiungerà la Puglia. Tra le due tifoserie, non è un segreto, c’è un bel gemellaggio e ogni anno si aspetta questa partita per consolidare il rapporto d’amicizia tra tifosi biancorossi e tifosi giallorossi. Anche quest’anno sarà così. Sanderra ha i suoi problemi di formazione. In avanti si è visto privare di Bernardo, che ha concluso anzitempo la sua stagione per un infortunio al polso, e di Razzitti. Il numero nove proveniente dal Brescia deve scontare, infatti, due turni di squalifica. Una per recidività di ammonizioni e l’altra per la vicenda legata al deferimento del Tribunale Federale. Magari, contro il Barletta, sarà l’occasione per vedere in campo Caputa, un po’ dimenticato dalla piazza. Intanto rientra Russotto che potrebbe formare un attacco mobile con Mounard. Il francese ha giocato proprio da seconda punta, dopo aver sostituito Bernardo. La sua prestazione non è stata esaltante ma una seconda chance non si nega a nessuno, soprattutto ora che le partite possono essere giocate senza troppe pressioni.