Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Catanzaro – Il Lecce dopo la Salernitana, stavolta però la storia è stata diversa

Catanzaro – Il Lecce dopo la Salernitana, stavolta però la storia è stata diversa

Seconda partita consecutiva giocata in casa dal Catanzaro. Seconda partita consecutiva giocata contro una squadra forte e blasonata. Contro il Lecce, però, finisce nella maniera opposta rispetto alla partita disputata contro la Salernitana. I salentini venivano sui tre colli in cerca di punti, fondamentali per rimanere agganciati al treno play-off, ma hanno trovato una squadra, il Catanzaro, determinata più che mai a riscattare la beffa subita una settimana prima ad opera dei granata campani. I calabresi, orfani di Russotto, Calvarese e Sanderra per squalifica, hanno trovato il vantaggio dopo cinque minuti, trovandosi nella condizione a loro più congeniale e cioè: difendere compatti e sfruttare le ripartenze. E così è stato. Il Lecce è stato padrone del campo per tutto il primo tempo, nonostante l’inferiorità numerica scaturita dall’espulsione di Moscardelli in avvio. Bindi ha riscattato le ultime prestazioni non proprio entusiasmanti ed è stato decisivo in più di un’occasione. Soprattutto sulle traiettorie insidiose di Mannini e Miccoli. Razzitti, migliore in campo insieme a Bindi, continua a svolgere il suo lavoro in maniera egregia. La punta giallorossa è davvero un incubo per tutti i difensori, non molla mai un pallone, lotta e fa a sportellate con tutti e inoltre, cosa che non guasta, inizia a segnare con continuità. Probabilmente il Lecce avrebbe meritato qualcosa in più. La partita, infatti, è stata simile a Catanzaro – Salernitana, con i calabresi assoluti protagonisti, puniti da due occasioni sfruttate al massimo dagli ospiti. Oggi la parte della Salernitana, e quindi della squadra cinica e matura, è toccata agli uomini di Sanderra. Segnale positivo questo, sintomo che si può e si deve imparare dai propri errori. Anche se, a dire il vero, nel finale di gara Mounard e compagni hanno sciupato più di un’occasione per chiudere la partita in ripartenza. Curiosità di giornata: mister D’Urso, che sostituiva lo squalificato Sanderra, ha diretto dalla panchina la sua seconda gara stagionale, la prima fu sempre contro il Lecce, all’andata, nel periodo di “interregno” dopo l’esonero di Moriero. All’andata ci fu la rimonta delle aquile da 2 a 0 a 2 a 2, nel finale. Evidentemente le sfide con i pugliesi portano bene a mister D’Urso.