Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Oggi in campo al Ceravolo Catanzaro-Lecce: una sfida blasonata

Oggi in campo al Ceravolo Catanzaro-Lecce: una sfida blasonata

Giornata di campionato numero trentadue. Nell’ennesima sfida al sabato pomeriggio, il calendario offre ai tifosi una partita che, guardando al blasone delle squadre, poco ha a che fare con la Lega Pro. L’avversario di turno è il Lecce di Alberto Bollini. I salentini sono al terzo anno di Lega Pro dopo la caduta rovinosa che li ha visti scendere dalla serie A direttamente alla terza serie (retrocessione sul campo in serie B e poi ulteriore retrocessione per le vicende legate al calcioscommesse). Il tecnico dei pugliesi ha confessato di temere le insidie del “Ceravolo” e ha preparato la partita cercando di far entrare i suoi nel clima della Lega Pro. In terza serie, infatti, è necessario giocare un calcio molto intenso e a volte rude. L’agonismo messo in campo da alcune squadre, spesso, supera la maggiore qualità degli avversari ed è proprio su questa squadra che Bollini ha intenzione di condurre il Lecce. Tuttavia, i giallorossi del Salento, hanno in rosa calciatori dal grande potenziale tecnico e uomini di grande esperienza, Miccoli e Moscardelli ne sono due esempi calzanti. Sanderra proverà a ripetere la bella prestazione vista contro la Salernitana, cercando, questa volta, di essere più cinici e meno “polli”. Le aquile dovranno fare a meno di Russotto, squalificato. Tatticamente, però, non dovrebbero esserci grosse novità, il modulo dovrebbe essere il collaudato 4-4-2 e al posto di Russotto possono giocare, con caratteristiche diverse, Bernardo, Mounard o Mancuso. Sanderra sceglierà in base all’allenamento settimanale. Tra le fila del Lecce anche due ex giallorossi: Scuffia e Di Chiara, entrambi in prestito fino a fine stagione.