Home / Sport Strillit / CATANZARO CALCIO / Calcio – Il Catanzaro e il “nichilismo” del finale di stagione…

Calcio – Il Catanzaro e il “nichilismo” del finale di stagione…

Ischia – Catanzaro conferma le paure di tutti i tifosi giallorossi. La stagione è ormai andata, nonostante manchino ancora dieci partite alla fine del campionato. Il Catanzaro ha la salvezza in tasca e non può ambire a nient’altro. Ecco allora che le partite delle aquile offrono, da un paio di settimane, pochissimi spunti di discussione e ancora meno emozioni. Purtroppo, sui tre colli, la rassegnazione la fa da padrone. Il “nichilismo sportivo” che pervade la città, non farà altro che allontanare i tifosi dallo stadio. Se consideriamo anche i sedici DASPO piovuti dopo il derby col Cosenza e la protesta degli ultras che rimarranno fuori dallo stadio, ecco che il quadro è completo. Si prospetta un finale di stagione davvero poco esaltante. E pensare che solo pochi mesi fa, in estate, le prospettive erano ben diverse. L’unica speranza, per il presidente Cosentino, è che le prossime partite casalinghe portino in dote qualche motivazione in più. Al “Ceravolo”, infatti, arriveranno Foggia, Lecce, Salernitana e Messina. Partite di cartello, sfide molto sentite che potrebbero riavvicinare il pubblico giallorosso. Sempre che le autorità competenti non infieriscano ulteriormente su una tifoseria destabilizzata. Dovranno essere bravi calciatori e allenatore ad onorare i prossimi impegni. Non è facile mantenere la concentrazione in un momento simile e in un ambiente così “triste”. I calciatori però possono trovare stimoli in più rispetto ai tifosi. Tanti ragazzi presenti oggi in rosa devono dimostrare di meritare una riconferma da parte della società e comunque, giocare contro le prime in classifica, ti spinge sempre a dare il massimo per dimostrare di essere all’altezza dei migliori.